Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Sasso Marconi

La Fira di Sdaz, la via degli Dei e Guglielmo Marconi

Ultimo aggiornamento il 3 settembre 2018 alle 12:59

Per viaggiare nel tempo non serve chissà che prodigio, ad esempio si può tornare indietro di tre secoli partecipando alla "Fira di Sdaz" di Sasso Marconi, ai primi di settembre: un tuffo nella tradizione popolare, quella di una volta! Con le esibizioni degli antichi mestieri, i balli e i canti popolari, i prodotti tipici con il meglio della tradizione dell'Appennino. Ottima occasione per assaggiare anche i prodotti enogastronomici del territorio, vedi i vini dei colli Bolognesi. E dopo aver mangiato e bevuto, gli amanti del trekking e della mountain bike possono percorrere la via degli Dei che collega Bologna a Firenze, passando attraverso l'Appennino Tosco-Emiliano. Un tracciato percorso prima dagli Etruschi e poi dai Romani che costruirono una vera e propria strada. Nel Medioevo si continuava a percorrere la via degli Dei a piedi o a cavallo, ma al lastricato romano venne sostituito un semplice sentiero, una stretta mulattiera senza pavimentazione, utilizzata dai viandanti per attraversare nel modo più agevole questo tratto di Appennino. Ma fra le tante colline di Sasso Marconi, ce n'è una davvero speciale: la collina dei Celestini, a pochi passi da Villa Grifone, dimora estiva della famiglia Marconi. È qui che, nella primavera del 1895, a soli 21 anni, il giovane Guglielmo Marconi realizzò il primo collegamento via etere riuscendo a trasmettere il segnale dalla finestra della Villa, sede del suo laboratorio, oltre la collina dei Celestini! Oggi villa Grifone dichiarata monumento nazionale è sede del Museo Marconi, dedicato alle origini e allo sviluppo delle radiocomunicazioni. E ai piedi della collina su cui si eleva la villa, c’è il Mausoleo dove riposa dal 1941 l'inventore della telegrafia senza fili. Se oggi siamo sempre connessi alla rete e abbiamo il wireless è grazie a lui, al bolognese Guglielmo Marconi!

Un ringraziamento all'Unione dei Comuni Reno Lavino Samoggia per il materiale video: Comune di Casalecchio di Reno, Comune di Monte San Pietro, Comune di Sasso Marconi e Comune di Valsamoggia, Comune di Zola Predosa.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.