Il David protagonista a Expo 2020 è alto come l’originale ma pesa di meno Quattro quintali contro quello lapideo da 5 tonnellate
Il David protagonista a Expo 2020 è alto come l’originale ma pesa di meno Quattro quintali contro quello lapideo da 5 tonnellate

La resina acrilica è stata coperta con polvere di marmo, per rendere la copia più simile possibile all’originale, anche nelle imperfezioni. Il gemello del David è stato dunque realizzato a grandezza naturale: alto più di 7 metri (basamento compreso) per un peso di 400 chili, contro le 5 tonnellate dell’originale. "Una volta per fare una copia si procedeva col calco a contatto – spiega Grazia Tucci, docente del dipartimento di ingegneria civile dell’Università di Firenze, coordinatrice del progetto –. Adesso i sistemi digitali, le scansioni, i laser-scanner e altri strumenti come la fotogrammetria, permettono di acquisire dati molto dettagliati e di avere il calco più fedele possibile all’originale". Alla realizzazione del David in 3D hanno collaborato i tecnici di Hexagon Italia e il restauratore Nicola Salvioli, colui che ha aggiunto il tocco finale al “gemello“.