UNA STORIA CHE PARTE NEL 1933 L’ambasciatore dei maccheroncini di Campofilone è sicuramente il pastificio Spinosi che nasce nel 1933 a Campofilone in provincia di Fermo. Dal 1933 vengono prodotti dall’azienda Spinosi con l’utilizzo di materie prime di alta qualità anche per gli ovoprodotti Utilizzano uova fresche intere 100% italiane di galline allevate all’aperto in maniera estensiva e con mangime biologico
UNA STORIA CHE PARTE NEL 1933 L’ambasciatore dei maccheroncini di Campofilone è sicuramente il pastificio Spinosi che nasce nel 1933 a Campofilone in provincia di Fermo. Dal 1933 vengono prodotti dall’azienda Spinosi con l’utilizzo di materie prime di alta qualità anche per gli ovoprodotti Utilizzano uova fresche intere 100% italiane di galline allevate all’aperto in maniera estensiva e con mangime biologico
I MACCHERONCINI DI CAMPOFILONE, una delle specialità più prelibate della tradizione enogastronomica marchigiana, sarà tra i protagonisti dell’Expo di Dubai. Grazie alle immagini del regista premio Oscar Gabriele Salvatores. L’ambasciatore di questo prodotto nel mondo è sicuramente il pastificio Spinosi che nasce nel 1933 a Campofilone in provincia di Fermo. Dal 1933 li maccheroncini di Campoficole vengono prodotti dall’azienda Spinosi con l’utilizzo di...

I MACCHERONCINI DI CAMPOFILONE, una delle specialità più prelibate della tradizione enogastronomica marchigiana, sarà tra i protagonisti dell’Expo di Dubai. Grazie alle immagini del regista premio Oscar Gabriele Salvatores. L’ambasciatore di questo prodotto nel mondo è sicuramente il pastificio Spinosi che nasce nel 1933 a Campofilone in provincia di Fermo. Dal 1933 li maccheroncini di Campoficole vengono prodotti dall’azienda Spinosi con l’utilizzo di materie prime di alta qualità anche per gli ovoprodotti. La nostra pasta all’uovo viene principalmente prodotta utilizzando uova fresche intere 100% italiane di galline allevate all’aperto in maniera estensiva e con mangime biologico. Nell’azienda azienda, ancora oggi, le uova vengono rotte a mano. Un’altra caratteristica della produzione riguarda i che tagli vengono ancora pettinati sul dorso di un coltello, come da tradizione, e adagiati a mano sul tipico foglio di carta bianca piegata e messi ad asciugare a basse temperature per almeno 24 ore. La pasta, così ottenuta, conserva ancora oggi il gusto della pasta fatta in casa.

A proseguire nella storia imprenditoriale di famiglia contribuendo ad accrescere il successo sia nei mercati nazionali e sia in quelli internazionali è Vincenzo Spinosi, mastro pastaio di Campofilone con il proprio carico di idee, storia, tradizione, desiderio di affermazione, e tanta volontà. A Vincenzo vanno sicuramente riconosciuti l’impegno e la caparbietà che lo vedono come il primo e assoluto promotore per l’istituzione ed il riconoscimento ufficiale della Carta delle Paste Italiane. Le cucine dei grandi ristoranti di Londra, New York, Hong Kong, Tokyo, Parigi e di altre cento città sono il teatro delle sue performances esaltanti, come quelle a 10.000 metri di quota nei lunghi voli da un continente all’altro. Il successo vero che ha ottenuto è la somma di tante partite giocate e di vittorie.

L’ultima, quella degli "Spinosini", ha consegnato a Vincenzo Spinosi il titolo di campione! E se esibisce i suoi piccoli trofei-souvenir nasconde magari i tanti premi e riconoscimenti ricevuti: come il "Five Stars Diamonds Awards" dell’American Academy of Hospitality and Sciences di New York (2000), oppure l’onoreficenza di Commendatore conferitogli nel 1997 dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro.

Vittorio Bellagamba