La Basilicata si mette in mostra all’Expo 2020 di Dubai per promuovere, nel Padiglione Italia, non solo la sua attrattività turistica ma anche, osserva il governatore lucano, Vito Bardi, "per accompagnare imprese qualificate, il sistema incubatore d’aziende, start up d’eccellenza, cooperazione scientifica dell’Università degli Studi della Basilicata e istituti di ricerca operanti sul territorio lucano"....

La Basilicata si mette in mostra all’Expo 2020 di Dubai per promuovere, nel Padiglione Italia, non solo la sua attrattività turistica ma anche, osserva il governatore lucano, Vito Bardi, "per accompagnare imprese qualificate, il sistema incubatore d’aziende, start up d’eccellenza, cooperazione scientifica dell’Università degli Studi della Basilicata e istituti di ricerca operanti sul territorio lucano". "Expo Dubai sarà la vetrina della ripartenza italiana – afferma Bardi – ed è quindi un momento importante che vede in prima fila la Basilicata e l’intero Mezzogiorno". Secondo Nino Liantonio, presidente della Zona franca urbana di Matera "Dubai 2020 è un’occasione per le piccole e medie imprese lucane che hanno solide esperienze e prodotti d’eccellenza. E’ necessario – aggiunge – promuovere aziende e persone dei nostri territori per attrarre investitori stranieri così da poter rilanciare l’occupazione soprattutto delle nuove generazioni. Dunque risulta strategico, ancora una volta, il ruolo della Zona franca urbana della Città dei Sassi, anche alla luce di Matera 2019 capitale europea della cultura, e della Zes jonica quali punti di riferimento per le multinazionali che vogliono insediarsi nelle nostre zone industriali e artigianali".

Sarà il regista premio Oscar Gabriele Salvatores, a raccontare anche la Basilicata al mondo. "Abbiamo individuato una serie di location rappresentative della nostra regione – chiude Bardi – e le riprese per la sezione Belvedere si sono svolte a Matera, presso l’Osservatorio astronomico di Anzi e i Calanchi. Per la Monografia regionale abbiamo scelto il peperone crusco di Senise, il miele di Ripacandida e l’artigianato di Matera, Calvello e Pietrapertosa. Infine, raccontiamo le realtà dell’indotto automotive di Melfi. Sono sicuro che la narrativa di Salvatores saprà dare risalto alla bellezza intima della Basilicata che si rivela nel connubio tra natura e impegno dei lucani". Il ’saper fare’ raccontato attraverso gli occhi di una regione ricca di storia, sapori e straordinarie bellezze naturali.

Gabriele Masiero