Los Angeles, 3 novembre 2017 - La bufera non si ferma. Nella lista sempre più lunga di attrici che accusano Harvey Weinstein, il potente produttore di Hollywood, di molestie e violenze si è aggiunta anche Paz de la Huerta che a Vanity Fair ha raccontato di aver subito due stupri nel 2010. Secondo quanto riferito dalla 33enne, nota per il suo ruolo nella serie 'Boardwalk Empire', la prima volta l'allora produttore di Hollywood l'aveva riaccompagnata a casa, le aveva chiesto di salire e poi l'aveva spinta sul letto. "Ero spaventata, non era consensuale", ha sottolineato l'attrice.

Il secondo episodio un mese dopo quando Weinstein si era presentato al suo appartamento nonostante lei gli avesse chiesto di lasciarla da sola. Complice l'alcol, "non ero nello stato, ero terrorizzata di lui, ho detto no e quando era sopra di me, ho detto che non volevo farlo", e lui "mi ha violentato". Il portavoce della polizia di New York ha fatto sapere che "il dipartimento è a conoscenza di queste denunce" e sta "attivamente investigando".

Kevin Spacey, accuse di molestie anche dallo staff di 'House of Cards'