Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
31 mag 2022

Gran Bretagna, incubo vacanze. Centinaia di voli cancellati: cosa sta succedendo

Disagi per migliaia di turisti britannici. Caos negli aeroporti

31 mag 2022
featured image
Un aeroporto affollato (Ansa)
featured image
Un aeroporto affollato (Ansa)

Londra, 31 maggio 2022 - Sogno vacanze in frantumi per migliaia di turisti britannici: centinaia di voli sono stati cancellati in vista del ponte di fine primavera, allungato dai giorni di festa per il Giubileo di Platino della regina Elisabetta

Approfondisci:

Regina Elisabetta, fan in tenda: la grande attesa per il Giubileo di Platino

Le cause dei disagi

Negli aeroporti britannici regna il caos, i turisti devono affrontare file chilometriche prima, magari, di vedere il proprio aereo saltare. Tanti hanno deciso di viaggiare all'estero per la prima volta in due anni a causa della pandemia, sfruttando anche l'inizio delle prime vacanze scolastiche in Inghilterra e in Galles da quando sono state tolte tutte le restrizioni Covid. La situazione è 'appesantita' dal fatto che numerosi passeggeri utilizzano voucher e crediti ricevuti per viaggi cancellati precedentemente. I voli comprati e poi saltati durante le fasi più acute della pandemia, un pacchetto ulteriore che alimenta il fuoco già esteso della domanda. Le compagnie aeree e gli aeroporti non riescono a gestire il boom anche per colpa della carenza di manodopera che flagella l'economia britannica. "L'assalto" agli aeroporti è arrivato in un momento delicato per il settore dell'aviazione, che sta ancora cercando di recuperare gli impiegati persi durante la pandemia. 

Le compagnie e gli aeroporti in difficoltà

L'ultimo annuncio è arrivato oggi dal tour operator Tui, gigante delle vacanze da cui dipende una compagnia charter, i cui vertici hanno reso noto lo stop di altre decine di partenze previste da qui a fine giugno dall'aeroporto di Manchester. L'azienda tedesca lo scorso sabato non solo ha cancellato una serie di voli all'ultimo minuto, ma ha annunciato anche notevoli ritardi a Birmingham, Gatwick e Manchester. Analoghe disavventure sono state causate in questi giorni in scali londinesi come quelli di Stansted e Gatwick, o ancora in quello di Glasgow, a causa delle cancellazioni di numerose partenze imposte. Fra gli operatori in difficoltà troviamo la compagnia di bandiera British Airways, e anche il colosso low cost EasyJet, che ha cancellato oltre 200 voli da e per Gatwick tra il 28 maggio e il 6 giugno. EasyJet si è scusato per il disagio, ma ha ribadito che le cancellazioni erano "necessarie per poter fornire un servizio affidabile in questo periodo molto movimentato". 

La rabbia di Johnson

I giornali danno voce alle proteste dei passeggeri e denunciano prospettive "da incubo" per le ferie estive di milioni di persone in partenza o in arrivo; mentre le aziende si scusano con gli utenti, ma si giustificano evocando gli effetti perduranti del boom di assenze fra lo staff legate fra l'altro ai residui contagi da Covid. Giustificazioni che il governo di Boris Johnson, almeno in parte, non accetta. Il premier britannico contesta ai vettori i tagli di personale fatti nel pieno della pandemia e non revocati in misura sufficiente negli ultimi mesi, nonostante la ripresa di buona lena del settore dopo l'abolizione delle restrizioni sanitarie. Un fenomeno, quello dei voli cancellati, simile a quanto accaduto lo scorso anno negli Stati Uniti. La storia si ripete. Ma, soprattutto, non insegna. 

In treno da Parigi a Berlino in sole sette ore

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?