Domenica 14 Luglio 2024

Viktor Smagin eroe di Chernobyl “morto suicida”. In un biglietto l’addio alla famiglia

Ingegnere, 75 anni, nel 1986 era stato tra i primi ad accorrere dopo il disastro nella centrale nucleare. La tragedia nelle sue memorie

Roma, 26 ottobre 2023 - L’eroe di Chernobyl Viktor Smagin, 75 anni, ingegnere, si è tolto la vita nella sua casa di Mosca - secondo quanto riferiscono media internazionali – incapace di sopportare ancora gli effetti dell’avvelenamento da radiazioni. 

Smagin fu testimone dell’orrore provocato dall’incidente nucleare, quando il reattore numero quattro della centrale esplose e le radiazioni a cui fu esposto gli provocarono permanenti problemi di salute. In una lettera straziante lasciata alla famiglia ha scritto di non sopportare più le cure di cui aveva bisogno. “Miei cari: Larisa, Dima e Sveta! Ora è il momento di salutarci. Grazie mille per gli anni che abbiamo vissuto insieme. È stata felicità. Mi dispiace!”.

Suicida l'eroe di Chernobyl, nel 1986 testimone e vittima della catastrofe
Suicida l'eroe di Chernobyl, nel 1986 testimone e vittima della catastrofe

Nel 1986, subito dopo l’esplosione del reattore, che rilasciò radiazioni in tutta Europa, Smagin corse da casa alla centrale elettrica: “Il personale spense l’incendio e scaricò l’olio in contenitori sotterranei; gli elettricisti si occuparono dell’idrogeno - raccontava nelle sue memorie -. Molti di coloro che hanno salvato la stazione hanno ricevuto dosi letali di radiazioni e sono morti in ospedale”.

Il giorno dopo l’esplosione, la popolazione di Pripyat fu evacuata ”ma la stazione non poteva essere lasciata incustodita. Pertanto il personale visse nella città ancora per qualche giorno”. Dopo l’incidente “quasi nessuno si è arreso, anche se è stato spaventoso”, ha voluto sottolineare: “Su 5.000, un massimo di sei o sette persone sono fuggite. E questo nonostante tutti fossero professionisti e sapessero perfettamente cosa fossero le radiazioni”.

Nei suoi racconti anche il dispiacere per aver visto “il personale incolpato di tutto”. Per il suo impegno a bonificare il disastro, Smagin ha ricevuto un’onorificenza. Ma è stata una magra consolazione: “Questo incidente, ovviamente, ha rovinato il destino di tutti"», ha scritto ancora nelle sue memorie. “Ho sofferto di malattie da radiazioni, ho ricevuto uno stigma per tutta la vita”. La sua vita è andata avanti, con un lavoro d’ufficio in un ministero russo. Tre giorni fa, il gesto estremo. La sera prima aveva detto alla moglie di aver avvertito la presenza di altri tumori.