Parigi, 28 gennaio 2020 - L'odiatissima riforma delle pensioni di Macron non smette di infiammare le strade di Parigi. Oggi a scendere in piazza sono i vigili del fuoco francesi: scontri con la polizia e tafferugli durante il corteo molto partecipato partito da place de la Republique e diretto a place de la Nation. Molti pompieri erano truccati da Joker, altri sventolavano il tricolore francese e altri ancora la bandiera col volto di Che Guevara. Molte anche le maschere di Salvador Dalì (rese famose dalla serie tv La casa di carta), bandiere dei pirati e avveniristici caschi argentati.

image

Gruppi di vigili del fuoco - che alla protesta contro la riforma delle pensioni aggiungono la rabbia per la mancanza di personale e i carichi di lavoro - si sono scontrati con la polizia a più riprese. Fitto il lancio di lacrimogeni. Secondo le ricostruzioni, la manifestazione di diverse centinaia di pompieri era inquadrata da squadre di poliziotti ma i manifestanti in testa al corteo avrebbero forzato il cordone per procedere più rapidamente, provocando la reazione della polizia. Successivamente, il corteo si è diviso in due, una parte dei manifestanti si è fermata al punto d'arrivo, place de la Nation, mentre altri si sono diretti verso il périphérique, il raccordo stradale attorno a Parigi. Per impedire questa deviazione, non autorizzata preventivamente dalla questura, la polizia ha montato una barriera che blocca il passaggio e ha usato a più riprese gli idranti. Gli agenti hanno anche caricato con i manganelli i dimostranti che avevano iniziato a lanciare oggetti.

Alla manifestazione hanno partecipato migliaia di pompieri per chiedere aumenti dell'organico, equipaggiamenti più moderni e un aggiornamento dell'indennità di rischio, ferma dal 1990.  Durante lil corteo due pompieri hanno addirittura dato fuoco alle loro divise ignifughe in segno di protesta. Secondo la prefettura di Parigi ai disordini hanno partecipato tra le 200 e le 300 persone.

Non è la prima volta che si registrano scontri fra pompieri manifestanti e polizia: lo scorso ottobre un'anmaloga manifestazione si era conclusa con diversi feriti.