Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
5 mag 2022

Guerra in Ucraina. "Putin ha sbagliato i calcoli. Il popolo è sempre più infelice"

L’economista russo Guriev sul leader del Cremlino: "Con l'embargo sarà sconfitto"

5 mag 2022
antonio del prete
Esteri
Putin in abiti di prigione con un banana che pende dalla sua testa A Colonia. la nuova opera. dell’artista tedesco Thomas Baumgaertel
Putin in abiti di prigione a Colonia in un'opera dell'artista Baumgaertel
Putin in abiti di prigione con un banana che pende dalla sua testa A Colonia. la nuova opera. dell’artista tedesco Thomas Baumgaertel
Putin in abiti di prigione a Colonia in un'opera dell'artista Baumgaertel

Parigi, 5 maggio 2022 - "Le sanzioni al petrolio e al gas saranno decisive". Parole che suonano come una sentenza, perché a pronunciarle è l’economista Sergei Guriev, una delle menti più brillanti del panorama accademico russo. Prima di riparare a Parigi, dove insegna a Sciences Po, ha avuto a che fare con i protagonisti della Nomenklatura e con gli ingranaggi della Federazione. Fa il ritratto di un Paese lontano dall’immagine retorica, e per certi versi bonaria, dell’orso. Guerra in Ucraina, Mosca simula attacchi con missili nucleari Kirill, il patriarca miliardario tra orologi di lusso e chalet in montagna La Russia di Putin somiglia più a un cane arrabbiato che si morde la coda. Un circolo vizioso innescato dalla volontà di accentrare il potere, che esclude la possibilità di riforme liberali. Di conseguenza l’economia ristagna e vacilla la popolarità del leader, che rimedia organizzando una guerra. Professore, è questa la dinamica che sta alla base dell’invasione dell’Ucraina? "Certo. Come nel 2014, quando il Paese non cresceva e il consenso del capo crollava. L’annessione della Crimea invertì la tendenza. Quest’anno Putin ha replicato lo schema, ma ha fatto male i suoi conti". Quanto hanno fatto male alla Russia le sanzioni? "Molto. È stata congelata gran parte delle riserve della Banca centrale, sono stati imposti limiti all’importazione di tecnologia, e circa 600 aziende hanno fatto i bagagli. Ciò impedisce a molte industrie di funzionare". In quali condizioni versa l’economia russa oggi? "È in atto la più grave recessione dai primi anni ’90. Quest’anno il Pil calerà del 10-11%. Tuttavia, il bilancio statale viene corroborato da un grande afflusso di petrodollari. E il quadro non muterà fin quando saranno mantenute le riserve sull’embargo agli idrocarburi". Putin ha chiuso i rubinetti del gas a polacchi e bulgari. È una minaccia che può funzionare? "Nemmeno l’avvertimento ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?