Scontri in Venezuela (LaPresse)
Scontri in Venezuela (LaPresse)

Roma 4 maggio 2019 - L'appuntamento per il cambio di regime in Venezuela era fissato per il 2 maggio. L'accordo era stato negoziato tra gli americani, l'opposizione guidata da Juan Guaidò, il ministro della Difesa Vladimir Padrino Lopez, il capo del servizio segreto Sebin Manuel Christoper Figuera, il presidente della Corte Suprema Maikel Moreno, e alcuni generali dell'alto comando militare come il capo del controspionaggio militare e della Guardia Presidenziale Iván Hernández Dala.

Maduro sarebbe stato arrestato e fatto fuggire verso l'esilio in Repubblica Dominicana, Guaidò avrebbe avuto il potere, il ministro della Difesa avrebbe conservato il posto e i generali avrebbero avuto salva la carriera. E a tutti sarebbero state tolte le sanzioni americane. Ruolo chiave lo avrebbe avuto il capo della Corte Suprema che avrebbe pubblicato un documento nel quale definiva "rivolta legale" l'intervento militare “a sostegno del legittimo presidente Guaidò”.

image

LA SOFFIATA  DEI CUBANI - Tutto perfetto, sulla carta. Se non che il 29 l'intelligence cubana, che infiltra l'intero apparato statale venezuelano, avrebbe avuto notizia di una conversazione tra Lenin Padrino e gli americani e ne avrebbe fatto parola con altri membri del regime. Ad essere avvertito è stato in particolare il controverso Diosdado Cabello, capo della Assemblea Costituente, legato ai cubani e accusato dagli americani della Dea di essere a capo del Cartel de lo Soles, organizzazione che traffica in droga per conto del regime di Maduro. Per far saltare il golpe Cabello - popolare in Venezuela per la sua trasmissione televisiva “con el mazo dando” (“a mazzate”) nella quale letteralmente rotea una clava contro l'opposizione -, ha deciso d'intesa con Maduro, di reagire sul tempo e programmare per il primo maggio l'arresto di Guaidò.

LA MOSSA DI GUAIDO' - Ma in un gioco di spie e controspie la notizia del possibile arresto di Guaidò è giunta all'opposizione che, per decisione autonoma di Juan Guaidò stesso, ha deciso di intervenire a sua volta d'anticipo prendendo il 30 aprile il controllo - con una trentina di militari fedeli e un manipolo di guardie bolivariane - della base aerea de La Carlota e procedendo nel frattempo, d'intesa con il capo del Sebin, il servizio segreto, a liberare Leopoldo Lopez, figura chiave dell'opposizione, che era in mano dell'intelligence.

Ma la mossa era disperata. Gli americani, presi di sorpresa hanno contattato non senza difficoltà _ i telefonini erano staccati _ il ministro della Difesa Padrino Lopez per capire se confermava la sua partecipazione al “levantamento legal” ma a quel punto Padrino ha alzato la posta, chiedendo di essere nominato presidente al posto di Guaidò. Era troppo per gli americani, che hanno risposto picche. E questa è stata la fine del tentativo di Guaidò, che si è trovato solo con Lopez, il capo del servizio segreto Sebin Manuel Christoper Figuera (poi sostituito da Maduro con Gustavo Gonzalez Lopez, uomo di fiducia di Cabello), e poche decine di uomini armati.

IL FLOP - Il disperato appello alle forze armate a sollevarsi è caduto nel nulla, anche perchè nelle stesse ore Padrino ha avvertito Maduro dicendo che in effetti gli americani lo avevano contattato ma lui aveva sdegnosamente rifiutato il tentativo di corruzione. Per dare più forza alla propria posizione, Padrino ha pubblicamente ed enfaticamente denunciato il tentativo di colpo di Stato chiamando all'uso delle armi per bloccarlo. Quanto al capo della Corte Suprema, vista la mala parata, si è chiamato fuori. E il levantamento legal è diventato un golpe da operetta.

Chiuso nel palazzo di Miraflores, Nicolas Maduro ha fatto buon viso a cattivo gioco, conscio che deve la sua sopravvivenza a Cabello e al vicepresidente Tarek el Aissaimi, che secondo la Dea partecipa e organizza con Cabello i traffici di cocaina che ingrassano i vertici dello stato venezuelano, oltre che al mancato congiurato Vladimir Padrino Lopez. Ed ed è probabilmente da loro tre, più che da Guaidò, che Maduro dovrà ora guardarsi.

IL PIANO B USA - Quanto agli americani, si sentono traditi da i tre congiurati e seppur riluttanti meditano di usare i servigi di Ugo Carvajal, detto "el pollo" ex capo dei servizi segreti venezuelani dal 2000 al 2014 e per questo definito una sorta di disco rigido ambulante sui segreti del regime chavista.

Carvajal è stato arrestato il 12 aprile a Madrid dopo che gli Stati Uniti hanno emesso un ordine di estradizione per reati di riciclaggio di denaro legati al traffico di droga e ora si trova in una cella della prigione di Soto del Real (Madrid). Già da tempo ha rotto con Maduro e cercato di accreditsrsi con l'opposizione.

Lo scorso febbraio, prima dell'arresto quindi, ha lanciato un appello chiedendo a Nicolás Maduro di dimettersi dal potere e chiedendo ai militari di ribellarsi contro il presidente. Se gli americani vogliono davvero fare pressioni sui generali che gestiscono il traffico di droga che dalla Colombia va verso l'America e l'Europa via Venezuela - si parla di 300 mila tonnellate di cocaina - ricattandoli, Carvajal è l'uomo giusto. Contatti ci sono stati, ma sono falliti perchè Carvajal chiede di essere riabilitato e conservare le sue enormi ricchezze. Ma il fallimento del golpe legale e il cul de sac che ne è scaturito potrebbero farli riconsiderare l'eventualità di trattare con il diavolo.