Un dose di vaccino (Ansa)
Un dose di vaccino (Ansa)

Roma, 30 giugno 2021 - Via libera del governo britannico e del servizio sanitario nazionale (Nhs) alla terza dose del vaccino anti Covid a partire da settembre. Il richiamo ulteriore, raccomandato dagli esperti del Joint Committee on Vaccination and Immunisation, mira a rafforzare e preservare l'immunità anche di fronte a possibili varianti.

Ne avranno diritto tutti gli ultracinquantenni residenti nel Regno Unito e le persone più giovani cui sia già stata prescritta in passato la vaccinazione anti-influenzale. La campagna, da completare entro inizio inverno, inizierà a partire dai pazienti vulnerabili e in totale coinvolgerà in totale milioni di persone.Il programma si svolgerà in due fasi parallelamente alla campagna annuale di vaccinazione antinfluenzale. Le indicazioni definitive della Jcvi verranno pubblicate prima di settembre e terranno conto della situazione epidemiologica, di ulteriori dati scientifici provenienti da studi, dell'analisi in tempo reale dell'efficacia dei vaccini e delle varianti emergenti.

Intanto è arrivata la bocciatura definitiva del vaccino tedesco della società CureVac. I risultati clinici definitivi, dopo quelli diffusi a inizio mese, della tornata di test effettuati sul nuovo vaccino confermano un'efficacia del 48%, inferiore al 50% necessario per chiederne l'autorizzazione. L'azienda farmaceutica CureVac ha comunque affermato che il suo vaccino ha avuto risultati leggermente migliori tra le persone di età compresa tra 18 e 60 anni rispetto ai gruppi di età più avanzata, con un'efficacia che sale al 53%. La società ha aggiunto che il suo processo è stato complicato dalla prevalenza di numerose varianti del coronavirus.

 

Variante Delta, il medico: "Qui a Londra tanti contagi ma pochi ricoveri"