New York, 16 dicembre 2021 - Cattive e buone notizie contemporaneamente sul fronte dei vaccini e del contrasto alla variante Omicron. La notizia negativa è che le due dosi di Moderna e Pfizer hanno un'efficacia ridotta sulla nuova mutazione. Quella positiva è che la terza dose aumenta sensibilmente la protezione. 

Omicron, l'ultimo studio: "L'efficacia di due dosi di vaccino è tra lo 0 e il 20%"

Covid Italia, il bollettino del 17 dicembre: boom contagi in Veneto

Lo ha spiegato ieri il consigliere medico della Casa Bianca, Anthony Fauci, che assicura che non è necessario un vaccino adattato a Omicron. "I nostri booster funzionano contro l'Omicron", ha detto ieri il virologo, basandosi su una serie di studi americani e non. Fauci ha spiegato che la Omicron "compromette indubbiamente gli effetti" di due dosi dei vaccini di Moderna e di Pfizer nel prevenire l'infezione, ma ha precisato che la dose di richiamo assicura "la migliore protezione" contro gli aggravamenti. 

Zona gialla: le regioni che cambiano colore. Cosa può succedere dopo Natale

Vaccino Covid bambini: la prenotazione regione per regione (e le risposte ai dubbi)

Proprio ieri Moderna ha reso noti i risultati di uno studio, secondo cui una dose booster aggiuntiva di 50 microgrammi - la terza dose - aumenta significativamente la risposta anticorpale. Sebbene si tratti di una ricerca preliminare, l'azienda, produttrice di uno dei due vaccini a mRna attualmente in commercio, ritiene questi risultati incoraggianti. Moderna si appresta a testare anche gli effetti di una dose booster doppia (100 microgrammi). 

Omicron, G7: "La più grave minaccia alla salute mondiale"

"Dopo la serie primaria a 2 dosi del nostro vaccino - informa Moderna via Twitter - le persone avevano titoli di anticorpi neutralizzanti rilevabili contro Omicron", ma "erano significativamente inferiori rispetto al virus wild-type (dominante ndr)". Tuttavia, "una dose booster del vaccino mRNA-1273 al livello di dose di 50 µg ha aumentato significativamente i titoli degli anticorpi neutralizzanti anti- Omicron", aggiunge Moderna spiegando che "questi e altri dati sono stati inviati a un server" in cui vengono pubblicati i lavori in versione prestampa (non ancora sottoposti a revisione fra pari), in modo da essere subito disponibili.