Washington, 12 settembre 2018 - L'uragano Florence si avvicina agli Stati Uniti. E cresce la paura. Autostrade intasate per la grande fuga dalla zone costiere in North e South Carolina, mentre si avvicina il 'mostro', categoria 4, accompagnato da venti a oltre 200 chilometri l'ora. Florence sarà solo la prima di una serie di tempeste: altre due si sono già formate sull'Atlantico. Il Servizio meteorologico nazionale (Nws) americano afferma che oltre 5,4 milioni di persone vivono in aree attualmente sotto allerta o sorveglianza uragani e altre 4 milioni sono sotto sorveglianza tempesta tropicale.

SCHEDA Arriva l'uragano Florence, le cose da sapere sulle maxi tempeste

VIDEO Un aereo in mezzo all'uragano Florence, il video in time-lapse

Il governatore delle North Carolina Roy Cooper ha ammonito che restare sarebbe un grande errore e che "questo è un uragano storico, di quelli che forse vedrai una volta sola nella vita". Sino a 1,7 milioni di persone in North Carolina, South Carolina e Virginia hanno ricevuto ordine di evacuazione, coatta o volontaria.

Lo stato d'emergenza è stato dichiarato in Maryland, North Carolina, South Carolina, Virginia e Washington, temendo in particolare piogge torrenziale e diffuse inondazioni. L'uragano però "potrebbe virare a sud e colpire anche alla Georgia", avverte con un tweet il presidente Trump. La Fema, ovvero la protezione civile Usa ha già distribuito 8 milioni di pacchi di viveri e acqua.