Ufo, un frame tratto dal video della Marina Usa
Ufo, un frame tratto dal video della Marina Usa

New York, 20 settembre 2019 - Nel mirino dei caccia F18 Usa sembrano oggetti lunghi e velocissimi che cambiano improvvisamente direzione con un’accelerazione fortissima. Nei filmati che i top gun americani sono riusciti a catturare e che adesso anche la US Navy ha reso pubblici togliendo il segreto militare, sembrano dei grandi ragni supersonici dalla forma indefinita che vorrebbero quasi danzare con i cacciabombardieri Usa, prima di sparire nel nulla.

Altro che America, l'Italia è piena di Ufo

Se non sono Ufo cosa sono? Il Pentagono non li chiama con questo nome ma si sta interrogando, da anni e in segreto, su questo Unidentified Aerial Phenomena che più che incuriosire ormai turba i voli dei pattugliatori dei cieli, i quali non sanno come comportarsi non essendo ne droni ne missili. La messa in rete, inoltre, di tre filmati girati tra il 2017 e il 2018 e la comparazione con un altro video del 2014 sta scatenando adesso un nuovo dibattito proprio nel momento in cui i cieli diventano sempre più affollati.

Joe Gradisher, il portavoce della US Navy sostiene che i filmati girati da militari Usa sono autentici e che i fenomeni sono reali. Aggiunge che gli avvistamenti non sono affatto inusuali e rari. Anzi, e incoraggia tutti i piloti a riportarne la durata e l’esatta posizione in cui avvengono per creare una vera e propria mappatura degli oggetti misteriosi. "Abbiamo notato incursioni frequenti nei nostri campi di addestramento – spiega Gradisher – e questo rischia di mettere in pericolo l’incolumità dei piloti. Per lungo tempo ci siamo anche accorti che molti di loro non li riportavano per paura di venir ridicolizzati, ma adesso siamo ad incoraggiare i top gun affinché siano tempestivi nelle segnalazioni per poter studiare in profondità il fenomeno".

C’èchi pensa che la minaccia non appartiene al mondo della fantasia, ma possa diventare reale se non si riuscirà a stabilirne l’origine. Anche se tra le grandi potenze c’è una sorta accordo non scritto che bandisce per ora la militarizzazione dello spazio, la comparsa di questi ‘Uap’ oggetti non identificati, sembra andare nella direzione opposta. 

Nella misteriosa ‘Area 51’ considerata una delle più segrete basi di addestramento per l’aeronautica militare americana che sorge in Nevada da anni i ricercatori stanno approfondendo la presenza in cielo di corpi estranei. I piccoli filmati rilasciati in questi giorni hanno riaperto la finestra sugli Ufo con l’intenzione di non chiuderla tanto presto. Nel frattempo ‘Area 51’ sembra diventata sempre più una zona off-limit e da proteggere. La no fly-zone è totale e sia militari che civili non possono attraversarla, anche perché proprio per oggi, via internet, era stata annunciata un’invasione, poi rimandata. Anche se qualcuno in questi giorni si è presentato lo stesso e nelle scorse ore sono scattati degli arresti.