Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 mag 2022

Franza o Spagna purché se magna. Gli italiani vogliono la resa di Kiev

Pur di evitare guerra e recessione, il 52 per cento vuole che l’Ucraina ceda in parte o tutto il suo territorio

17 mag 2022
michele brambilla
Esteri
featured image
Guerra in Ucraina, ecco cosa pensano gli italiani
featured image
Guerra in Ucraina, ecco cosa pensano gli italiani

Guardate, a pagina tre, il sondaggio di Swg su che cosa pensano – o meglio: su che cosa desiderano – gli italiani riguardo alla guerra in Ucraina. Le risposte della maggioranza dei nostri concittadini non mi sorprendono. Ma mi deprimono. Dunque vediamole, queste risposte. Alla domanda su quale sia lo scenario "più auspicabile", la maggioranza assoluta fa sapere che spera in una vittoria della Russia. Per la precisione: il 46 per cento vuole che il conflitto si interrompa con la Russia che mantiene il controllo della Crimea e dei territori occupati del sud-est. Il 6 per cento addirittura spera nell’occupazione dell’intera Ucraina da parte delle armate di Putin. Solo il 23 per cento auspica una controffensiva ucraina; il 25 per cento, per non sbagliare, non sa. Non desidera. Non spera. Forse non si interessa. E non sia mai che la Finlandia e la Svezia si mettano in testa di organizzare una difesa in vista di un eventuale attacco russo. La maggioranza (45 cento) non vuole il loro ingresso nella Nato, perché "aumenterà il rischio di conflitto con la Russia". Nobile anelito, quello alla pace. Siamo tutti d’accordo. Ma se si è disposti a darla vinta (in parte o in tutto) a chi la pace l’ha violata, invadendo un Paese sovrano con i carri armati e bersagliandolo di missili, allora sorge il dubbio che il vero desiderio non sia la pace, ma la pancia. Nel senso di pancia piena: se la guerra finisce, e non importa come, finiscono anche le conseguenze economiche per noi, e possiamo evitare di stringere la cinghia. Franza o Spagna, purché se magna. Tutti vogliamo la pace. Ma distinguiamo la pace dal pacifismo. Di pacifismi, oggi, ce ne sono tre, tutti definibili con un termine che, casualmente, comincia con la lettera ’i’. Il primo è il pacifismo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?