13 feb 2022

Ucraina-Russia, il generale svela le carte di Putin: "Blitz per evitare accerchiamenti"

Battisti , ex capo della missione in Afghanistan: "Attacchi solo sul confine, la Nato non si farà coinvolgere"

beppe boni
Esteri
Il mondo segue con ansia i fatti ucraini: truppe francesi si addestrano in Estonia
Truppe francesi si addestrano in Estonia

Roma, 13 febbraio 2022 - Conosce da vicino gli scenari internazionali anche perché è stato il primo comandante del contingente italiano della Missione Isaf in Afghanistan nel 2003, quando laggiù la spedizione di pace era di fatto una missione di quasi guerra. Il generale di corpo d’armata Giorgio Battisti porta la penna nera sul cappello, è un artigliere di montagna e in Afghanistan è tornato con incarichi di vertice altre tre volte, fino al congedo nel 2016, con alle spalle anni di servizio anche in Somalia e Bosnia. Ora è analista di geopolitica e presidente del Club Atlantico di Bologna. Motivi della guerra - Forze messe in campo - Cosa vuole davvero Putin Kiev alle compagni aeree: "Non volate sul Mar Nero" Generale lei crede che possa essere realisticamente possibile l’invasione dell’Ucraina? "Se osserviamo la situazione in modo asettico e sulla base dei movimenti militari sembrerebbe che da un momento all’altro si possa verificare l’attacco. Ma credo che, pur possibile, sia poco probabile anche perché un’offensiva del genere necessita del fattore sorpresa. Qui la Cia ogni giorno avverte sui movimenti dei russi, fornisce la data dell’invasione, i satelliti vedono tutto, le due superpotenze si sfidano con provocazioni reciproche. Nutro dubbi su una offensiva convenzionale anche per le forze russe attualmente sul campo". Non sono sufficienti? "Putin ha mobilitato circa 150mila uomini che bastano per arrivare a Kiev, ma non sufficienti per controllare poi tutto il territorio. Servono altre decine di migliaia di uomini nelle retrovie per gli ospedali da campo, i rifornimenti di cibo e munizioni. Non so se la Russia ha già mobilitato queste forze". Secondo lei gli ucraini venderebbero cara la pelle? "Sono disposti a tutto per fermare i russi. Hanno storicamente conti aperti con loro. Stalin negli anni Trenta in Ucraina fece massacrare milioni di persone contrarie alla sovietizzazione. Alla fine della ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?