15 mar 2022

Ucraina, le madri in fuga si raccontano sul pullman della speranza

Nel loro Paese lasciano padri da riabbracciare e famiglie da ricostruire: "Nessuna di noi sarebbe partita, ma abbiamo dei bambini a cui pensare". L'orizzonte si chiama Italia

benedetta iacomucci
Esteri
Missione Profughi Ucraina
Testimonianze Profoghi
Oksana Nechyporuk con figlio Arthur
Una mamma sul pullman verso l'Italia (Foto Toni)

Oksana, 35 anni, si è messa in viaggio con tre figli. Accanto a lei, nel pullman che da una stazione di carburanti alla frontiera ucraina la porterà in Italia insieme ad altri cento connazionali, sonnecchia Arthur 2 anni. Poco più in là ci sono Karina, 4 anni, e Ivan, 12. Oksana prende il telefonino e mostra la foto del fumo di una bomba. Scene già viste, solo che lei quella foto l’ha fatta scostando le tendine di casa. Siamo a Cop, 9mila abitanti prima della guerra, in Transcarpazia: il confine ungherese (e l’Europa) è dall’altra parte. L’orizzonte si chiama Italia, l’autobus (partito domenica dalle Marche, un passaggio in Romagna e arrivato in Ucraina per questo viaggio voluto da Ipa, Associazione Internazionale di Polizia, e Unsi, Unione Nazionale Sottufficiali italiani) si è appena rimesso in moto nella direzione opposta. Oksana Nechyporuk è una delle 47 mamme in fuga da Kiev. Come le altre compagne di viaggio, è sinceramente convinta, al di là dell’evidenza, che il rientro nella martoriata terra del cielo e del grano, sarà questione di un paio di mesi, se non settimane. Perché "nessuna di noi sarebbe partita – dice con ferma determinazione – se non avesse avuto dei bambini a cui pensare. C‘è un paese da ricostruire". E mariti e padri da riabbracciare, famiglie da ricomporre. Ci sono uomini, nel caso di Oksana, che vestono la divisa. "Mio padre era un militare – racconta sempre mostrando le foto -. Nel 1986 fu impegnato a Chernobyl per due anni". È un poliziotto anche il marito, mentre la stessa Oksana è capitano. "Sono potuta partire perché ero in congedo di maternità – racconta – e l’ho fatto per i bambini e per mia suocera, che è in viaggio con me e non ha più una casa, distrutta dai bombardamenti a Irpin". Oksana una ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?