Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
28 giu 2022
28 giu 2022

Ucraina, Putin vola in Tagikistan. Zelensky: "Russia fuori dal Consiglio di sicurezza Onu"

Si aggrava il bilancio della strage al centro commerciale. Le autorità: almeno 18 morti. Colloquio Zelensky-Stoltenberg. Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo: "La Crimea è Russia, se la Nato la invade equivale a una dichiarazione di guerra". Il presidente russo è arrivato a Dushanbe per la sua prima visita all'estero dall'inizio della guerra. "Mosca impegnata a normalizzare l'Afghanistan"

28 giu 2022

Kiev, 28 giugno 2022 - Guerra in Ucraina, nel giorno 125 torna la minaccia di terza guerra mondiale . Medvedev agita quello spettro con la Nato , se tocca la Crimea. Nel giro di poche ore, dalla GB arrivano le parole pesantissime del generale Patrick Sanders , neo comandante dell’esercito britannico in seno alle forze armate di Sua Maestà: il Regno Unito e i suoi alleati "devono essere inequivocabilmente pronti a combattere"  se la Russia attaccasse un qualunque Paese membro della Nato. Intanto si aggrava il bilancio delle vittime dell’attacco missilistico contro il centro commerciale Amstor a Kremenchuk, nella regione ucraina di Poltava. Almeno 18 persone sono rimaste uccise - questo il bilancio provvisorio delle autorità - e altre 59 ferite. Il presidente americano Joe Biden su Twitter ha definito “crudele l’attacco della Russia contro i civili” nel centro commerciale.  “Siamo solidali con il popolo ucraino - ha ribadito Biden - Come dimostrato al G7, gli Stati Uniti insieme ad alleati e partner continueranno a ritenere la Russia responsabile per queste atrocità e a sostenere la difesa ucraina”. Intanto Vladimir Putin è in  Tagikistan , per la sua prima visita all'estero dall'inizio dell'invasione in Ucraina. In serata Volodymyr Zelensky è intervenuto alla riunione del Consiglio di sicurezza Onu per i fatti di  Kremenchuk.  

Nato, ok della Turchia all'ingresso di Svezia e Finlandia nell'Alleanza Atlantica

Vladimir Putin con il presidente tagiko, Emomali Rahmon (Ansa)

Ore 21.30 Zelensky: "Russia fuori dal Consiglio di sicurezza dell'Onu"

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è intervenuto oggi alla riunione del Consiglio di sicurezza Onu , convocata d'emergenza dopo l'attacco missilistico russo di ieri al centro commerciale d i Kremenchuk , in Ucraina. Zelensky ha ribadito ancora una volta che la Russia non ha il diritto di rimanere nel Consiglio di sicurezza dell'Onu. "In qualsiasi altra parte del mondo u n'organizzazione come la Russia che prende di mira i civili verrebbe indicata come terrorista " sono state le parole del presidente in collegamento video alla riunione dei Quindici. Zlensky ha chiesto ai membri del Consiglio: "Chi di voi non è d'accordo sul fatto che prendere di mira i civili e le infrastrutture civili da parte della Russia sia terrorismo?".

Ore 16.30 Bombardamento su Dnipro e Mykolaiv

Dnipro, lungo le rive del fiume Dnepr, e Mykolaiv, a sud, sono stto bombartdamento aereo e di artiglieria. Il sindaco di Dnipro, Boris Fitalov, ha invitato i cittadini a non lasciare i rifugi" e "Non pubblichiamo foto o video".

Ore 15.40 Putin in Tagikistan

Il presidente russo Vladimir Putin è a Dushanbe, capitale del Tagikistan. Lo zar, nella sua prima uscita dai confini dall'inizio della guerra, ha in programma di incontrare il presidente tagiko, Emomali Rahmon. I due parleranno di affari bilaterali e internazionali, come la situazione nel vicino Afghanistan. Poi domani Putin si recherà ad Ashgabad, capitale del Turkmenistan, per partecipare ad un vertice dei Paesi del Mar Caspio con Azerbaigian, Iran, Kazakhstan e Turkmenistan.  

Il presidente russo durante l'incontro ha assicurato che la Russia è impegnata per "normalizzare" la situazione in Afghanistan. "Stiamo facendo tutto il possibile per normalizzare la situazione in quel Paese e stiamo cercando di costruire relazioni con le forze politiche che controllano la situazione. Ma stiamo lavorando sulla premessa che tutti i gruppi etnici rappresentati in Afghanistan, come è già stato detto, devono partecipare pienamente alla gestione del Paese".

Ore 14 Telefonata Biden-Erdogan

Il presidente americano Joe Biden ha parlato al telefono con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan . Lo riferisce la Casa Bianca in una nota. Il presidente americano ha detto di non vedere l’ora di incontrare il suo omologo al vertice della Nato per discutere le conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina per la sicurezza transatlantica e altre minacce all’Alleanza. La Casa Bianca non precisa se fra i due leader ci sarà un bilaterale.

Ore 13.30 Il generale britannico: dobbiamo essere pronti a combattere

Il Regno Unito e i suoi alleati "devono essere inequivocabilmente pronti a combattere"  se la Russia attaccasse un qualunque Paese membro della Nato. Lo ha detto oggi il generale Patrick Sanders.

Ore 12.15 Ingresso in Russia vietato a moglie e figlia di Biden

La Russia ha vietato l’ingresso nel paese alla moglie e alla figlia del presidente americano Joe Biden, Jill e Ashley, che - ha annunciato il ministero degli Esteri a Mosca - non saranno più autorizzate a viaggiare in Russia. Lo stesso presidente e il segretario di Stato Antony Blinken, oltre a centinaia di parlamentari, sono già sulla lista nera russa. Il ministero degli Esteri ha affermato che la Russia ha imposto un totale di 25 nuovi divieti per altrettanti cittadini statunitensi, incluso il politologo Francis Fukuyama.

Ore 12 nel centro commerciale 20 morti

Sale ancora  il bilancio delle vittime dell’attacco missilistico di ieri pomeriggio contro il centro commerciale a Kremenchuk, nella regione di Poltava: “Si sa già di oltre 20 morti e 59 feriti , di cui 25 ricoverati in ospedale”, a cui si aggiungono 40 dispersi. Lo rende noto in un briefing Kyrylo Tymoshenko, il vice capo dell’Ufficio presidenziale. 

Ore 11.30 Bambini uccisi

Un bambino di 6 anni è rimato ucciso e altri quattro sono rimasti feriti in un attacco missilistico russo su Ochakiv , nella regione di Mykolaiv. Lo ha riferito il capo del consiglio regionale di Mykolaiv Hanna Zamazieieva su Telegram, secondo quanto riportato da Ukrinform. "I missili hanno colpito edifici residenziali nella città di Ochakiv alle 5 del mattino - scrive Zamazieieva -. Sei civili sono rimasti feriti, tra cui quattro bambini: uno di 3 mesi, uno di un anno e due adolescenti, rispettivamente di 13 e 16 anni". In tutto nell’attacco sono stati uccisi tre civili, 6 i feriti.

Sono 341 i bambini uccisi in Ucraina dal giorno dell’invasione russa del Paese,  622 i feriti. Lo rende noto l’ufficio del Procuratore generale ucraino, precisando che il maggior numero delle vittime si registra nelle regioni di Donetsk, Kharkiv, Kiev e Chernihiv.

Ore 11 G7: no sanzioni sul cibo, anche per la Russia

"Continueremo a garantire che i nostri pacchetti di sanzioni non colpiscano il cibo e consentano il libero flusso di prodotti agricoli, anche dalla Russia, e la fornitura di assistenza umanitaria”. Cosi’ nella dichiarazione finale del G7 riguardante la sicurezza alimentare .

Ore 10 Colloquio Zelensky-Stoltenberg

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky , come ha lui stesso reso noto su Twitter, ha avuto un breve colloquio con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg , in occasione del vertice odierno dell’Alleanza atlantica a Madrid. I due hanno posto l’accento sulla necessità per Kiev di "un potente sistema di difesa missilistica per l’Ucraina per prevenire gli attacchi terroristici russi".

Ore 8 Medvedev minaccia la terza guerra mondiale

Qualsiasi tentativo di invadere la Crimea sarà considerato una dichiarazione di guerra alla Russia, e se questo verrà fatto da un paese che fa parte della Nato, ciò significherà un conflitto con l’intera Alleanza Atlantica, che sarà in realtà una terza guerra mondiale . Così il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev . "Ogni tentativo di invadere la Crimea sarà una dichiarazione di guerra al nostro paese. E se un paese che è membro della Nato fa questo - ha detto il delfino di Putin - scatenerà un conflitto con l’intera Alleanza Atlantica. La terza guerra mondiale. Una catastrofe totale", ha detto Medvedev, parlando delle conseguenze del possibile ingresso dell’Ucraina nella Nato.  Per Medvedev, l’ngresso dell’Ucraina nella Nato è "molto più pericoloso per la Russia dell’ingresso nell’alleanza di Finlandia e Svezia, ciò è dovuto a controversie territoriali irrisolte e a una diversa comprensione dello status della Crimea. Per noi, la Crimea fa parte della Russia. E questo è e sarò per sempre", ha affermato il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa. 

Ore 7 Diciotto morti al centro commerciale

“L’attacco russo al centro commerciale di Kremenchuk è uno degli atti terroristici più temerari della storia europea. Una città tranquilla, un normale centro commerciale con al suo interno donne e bambini, civili. Prima dell’annuncio dell’allarme aereo c’erano circa mille persone”. A dichiararlo nel suo messaggio quotidiano ai concittadini, è stato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky , sottolineando che fortunatamente la maggior parte dei presenti è riuscita a mettersi in salvo. Zelensky ha poi però lamentato il fatto che diverse persone siano rimaste all’interno. “Non è un errore dei missili”, ha sottolineato parlando di attacco premeditato. “Tutti i feriti - ha poi voluto assicurare - hanno ricevuto l’assistenza necessaria: i medici di Kiev sono già andati a Kremenchuk. Il ministro degli Interni sarà presente e coordinerà tutte le azioni necessarie”, ha aggiunto, prima di esprimere le proprie condoglianze alle famiglie e agli amici delle vittime di questo “terribile attentato terroristico”. Il presidente ha quindi ricordato ai concittadini che in caso di “allarme aereo vadano nei rifugi”, avvertendo che la “Russia non si fermerà davanti a nulla”. 

Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?