1 mar 2022

Ucraina, a Leopoli tra sirene e incubo raid. "Vivere o morire, una roulette russa"

Tra la gente pronta a combattere: "Putin è un pezzo di m... Vinceremo noi, abbiamo più palle di loro". Dal confine polacco arrivano uomini decisi a resistere

salvatore garzillo
Esteri

"E questo è il rifugio dove devi nasconderti quando suonano le sirene antiaereo. Illuditi che sia sicuro". Kosta è un uomo concreto, ’realista’, per dirla come lui. Alle 17 la sirena ha allertato la gente di Leopoli già due volte. "In genere dura venti minuti, molti restano in casa perché hanno capito che tanto è una roulette russa". E quando pronuncia questa espressione non c’è alcuna ironia nelle sue parole. "Al momento qui hanno risparmiato le abitazioni dei civili ma le immagini dei palazzi abbattuti a Kharkiv e a Kiev ci stanno terrorizzando. Anche questo fa parte della loro propaganda. Questa guerra si gioca anche così". Ucraina-Russia: sventato attentato a Zelensky. Truppe russe a Kherson Intanto, dal televisore acceso in salotto passano a ripetizione le immagini dei successi dell’esercito ucraino. Soldati usciti da Rambo, missili come una grande potenza, bandiere che sventolano nel sole della vittoria. In una parola: propaganda. "È necessario, le persone hanno bisogno di credere di potercela fare. In realtà, ai russi basterebbe premere un tasto per cancellarci dalla Terra". Kosta abbassa la sguardo ma solo per rispondere a un messaggio al cellulare, lo avvertono che sono in arrivo i rifornimenti per la resistenza. Sacchi di materiale che gli consegnano davanti casa e lui nasconde il tempo necessario per organizzare la distribuzione. Ginocchiere, mimetiche, felpe ma anche materiale tecnologico come batterie esterne, necessarie in trincea (anche quella domestica) quanto i caricatori per i kalashnikov. C’è però chi preferisce ancora il vecchio Ak47, il metallo freddo e l’impugnatura di legno. Come Vassily, 44 anni, ex militare, che ha lasciato il suo lavoro di operaio navale in Polonia per tornare in Ucraina per combattere. "Vinceremo noi, ne sono sicuro. Putin è un pezzo di merda che crede di schiacchiarci ma gli ucraini sono duri a morire. Non avremo le stesse ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?