Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 mar 2022

Ucraina news, incendi vicino a Chernobyl. Nuovi negoziati in Turchia

Giorno di guerra numero 32: l'esercito russo sta subendo la risposta delle forze ucraine. Zelensky torna a chiedere la no-fly zone, armi e tank. A Kherson ucciso il settimo generale di Putin. A Krasnohorivka "i russi usano le bombe a grappolo"

27 mar 2022

Roma, 27 marzo 2022 - La guerra in Ucraina è giunta al 32° giorno. Le forze di Kiev, dopo aver fermato l'avanzata, stanno recuperando terreno contro truppe russe. Secondo i media locali i soldati ucraini hanno ripreso il controllo in molte zone nella regione sudorientale di Zaporizhzhia e in quella di Sumy. A Kherson, ancora in mano alle forze d'invasione e dove infuria la battaglia, è stato ucciso generale russo Yakov Rezantsev, il settimo dall'inizio dell''operazione speciale', scrive la Bbc citando il ministero ucraino della Difesa. Intanto Mosca annuncia che le delegazioni dei due Paesi si vedranno il 29 e 30 marzo per nuovi negoziati di pace in Turchia, secondo la Tass la sede dei nuovi incontri sarà Istanbul. E ci sono estesi incendi scoppiati nella zona di esclusione di Chernobyl a causa degli intensi bombardamenti da parte dei russi, riferisce la commissaria per i diritti umani del Parlamento ucraino (Verkhovna Rada), Lyudmila Denisova nel suo canale Telegram, citata da Unian. Attualmente sono noti 31 i roghi che hanno inghiottito più di 10.000 ettari di foresta e che, chiarisce Denisova, provoca un aumento del livello di inquinamento atmosferico radioattivo. 

Palazzi distrutti a Kharkiv (Ansa)
Palazzi distrutti a Kharkiv (Ansa)

L'autoproclamata Repubblica di Lugansk, dal canto suo, sta organizzando un referendum per l'adesione alla Federazione Russa. E spuntano anche le pericolose e vietate bombe a grappolo: la polizia di Krasnohorivka ha affermato che le truppe russe le hanno lanciate contro palazzi di una zona residenziale. 

"Putin è un macellaio". E Macron critica Biden: "Non alimentare una escalation"

Joe Biden a Varsavia su Putin: "Dittatore, non può rimanere"

Sommario

Intervista di Zelensky ai media russi

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha concesso un'intervista ad alcuni media russi. Mosca ha diffidato dal trasmettere minacciando conseguenze legali, ma il sito di opposizione Meduza ha comunque pubblicato il video. "Ho sentito molte persone che sostengono che la mia eliminazione è pianificata. Probabilmente ci sono stati diversi tentativi da parte di diverse persone", dichiara nell'intervista il leader di Kiev che poi punta il dito contro l Russia, la quale - a suo dire - non sta consentendo all'Ucraina di restituire i corpi dei soldati russi caduti per nascondere all'opinione pubblica la reale entità delle sue perdite. Zelensky ha spiegato che molti di questi soldati uccisi in battaglia "sono solo ragazzini, nati nel 2003 o nel 2004" e che, dopo un po' di tempo, i russi hanno offerto agli ucraini dei "sacchi della spazzatura" per conservare i corpi dei caduti russi.

A Mariupol c'è "una catastrofe umanitaria, perché è impossibile portare cibo, acqua medicine, i militari russi bombardano i convogli umanitari, uccidono gli autisti", denucnia il presidente che parla anche di "rimozione forzata di persone" verso la Russia, in particolare di 2mila bambini. "Le garanzie di sicurezza e la neutralità, lo status non nucleare del nostro Stato. Noi siamo pronti a partire da qui, questo è il punto più importante", prosegue Zelensky nell'ora e mezza di intervista, sottolineando però di rifiutare altre richieste di Mosca, come la smilitarizzazione dell'Ucraina. Il presidente si è detto anche disposto ad un compromesso per il Donbass in un eventuale accordo di pace e anche a discutere dell'uso della lingua russa in Ucraina, ma accusa Vladimir Putin di prolungare la guerra, ritardando i negoziati di pace.

In un nuovo video diffuso sui social, poi, il leader ucraino sprona l'Occidente, che manca di "coraggio". "L'Ucraina ha bisogno solo dell'1% degli aerei della Nato e dell'1% dei carri armati, non chiederemmo di più. Abbiamo già aspettato 31 giorni. Chi è in carica nella comunità euroatlantica. C'è ancora Mosca a causa delle intimidazioni?". 

Guerra

Un nuovo bombardamento a Boyarka, 20 km da Kiev, ha ferito quattro persone, uno è un bambino. Secondo i media ucraini l'esercito ha ripreso il controllo delle due cittadine di Poltavka e Malynivka, nella regione sudorientale di Zaporizhzhia, e di Trostyanets, nella regione settentrionale di Sumy.  Proprio dalla regione di Sumy arrivano video che mostrano le truppe ucraine nei villaggi riconquistati, tra cui Vilkhivka, a 32 Km dalla frontiera con la Russia nel nord-est. Liberato nella regione di Kharkiv il centro abitato di Husarivka, ha riportato il sito ucraino Nikvesti: distrutte circa 60 unità militari russe ed eliminati circa cento soldati. Ma la regione di Kiev ha subito almeno 30 bombardamenti a complessi residenziali e infrastrutture nelle ultime 24 ore. Ne ha dato notizia l'Amministrazione militare regionale di Kiev su Telegram, citato da Unian. 

A Kherson, città meridionale in mano ai russi, è stato ucciso il generale Yakov Rezantsev, il settimo alto ufficiale di Mosca a cadere in battaglia, riferisce il ministero ucraino della Difesa citato dalla Bbc. L'avanzata russa è bloccata e in alcuni punti sta anche retrocedendo, quindi i militari di Putin starebbero distruggendo depositi di petrolio e magazzini alimentari per fare terra bruciata dietro di loro, ha denunciato un consigliere del ministro dell'interno ucraino, citato dalle agenzie. Ma non tutte le informazioni concordano, e dall'intelligence britannica arriva l'allarme: le forze russe stanno cercando di accerchiare quelle ucraine davanti alle regioni separatiste nell'est del Paese. Lo rende noto con un tweet il ministero della Difesa di Londra. Secondo questo rapporto i soldati russi avanzerebbero da Kharkiv a nord e da Mariupol a sud. Ma gli 007 aggiungono anche che il campo di battaglia nella zona settentrionale "rimane in gran parte statico con i contrattacchi ucraini locali che ostacolano i tentativi russi di riorganizzare le loro forze". Il ministero della Difesa russo ha rivendicato l'abbattimento di 18 droni ucraini grazie ai sistemi di difesa aerei.

"Gli occupanti russi hanno sparato a Krasnohorivka con munizioni a grappolo" è la denuncia della polizia ucraina sulla sua pagina Facebook. "Il nemico ha sparato dai lanciarazzi multipli Tornado-C nel settore residenziale di Krasnohorivka. Le truppe russe hanno usato munizioni a grappolo vietate, che sono cadute in mezzo alle strade", si legge nel post, che avverte: "Secondo le informazioni preliminari, il tempo di distruzione degli ordigni può arrivare fino a 40 ore. Esortiamo i residenti della città a essere il più attenti possibile e a non avvicinarsi alle aree delimitate".  Intanto i missili che sono arrivati anche a Leopoli: Nuova denuncia è stata fatta anche sugli aiuti umanitari dei russi, la ministra per la Reintegrazione dei territori occupati Iryna Vereshchuk, citata da Ukrinform, ha affermato che l'armata di Putin starebbe 'evacuando' circa 40.000 ucraini nei territori occupati o direttamente in Russia. 

L'ex ambasciatore: "Trattativa ancora lunga"

Bambini uccisi

Sale il numero delle vittime innocenti del conflitto: sono 139 i bambini rimasti uccisi nell'invasione russa. Il tragico bilancio lo ha fatto l'ufficio del procuratore generale ucraino. I minori feriti sarebbero più di 205. Secondo l'Ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani le vittime civili in tutto sono arriivate a 2.858, di cui 1.104 morti e 1.754 feriti. I decessi di civili si sono registrati soprattutto nelle aree di di Kiev, Kharkiv, Donetsk, Chernihiv, Mykolaiv, Lugansk, Zaporizhia, Kherson, Zhytomyr e la regione di Sumy. 

Corridoi umanitari

Per cercare di fermare la strage di civili oggi sono stati concordati due corridoi umanitari nelle regioni di Donetsk e Lugansk. La ministra per la reintegrazione dei territori occupati dell'Ucraina Iryna Vereshchuk: "Dalla città di Mariupol alla città di Zaporizhia con mezzi propri. Mentre è stata concordata l'evacuazione centralizzata in autobus da Berdyansk a Zaporizhia", dove 15 bus sono in partenza. Un altro corridoio è in preparazione per donne e bambini dalla cittadina di Slavutych, dove vivono molti dipendenti della centrale di Chernobyl. Occupata dai russi e dove sono stati uccisi tre civili. 

Bilancio caduti di Mosca

Ukraine Now ha aggiornato su telegram il bilancio delle perdite russe: 16.600 soldati di Mosca caduti dall'inizio del conflitto, 200 in più  rispetto a ieri. Sale anche il numero di mezzi distrutti: 582 carri armati, 1.664 veicoli corazzati, 121 aerei, 127 elicotteri e 1.144 auto e 7 navi distrutte. Annientati anche 294 sistemi di artiglieria, 93 lanciarazzi, 52 mezzi di difesa aerea, 4 lanciatori Otrk e 56 Uav, sempre secondo le sime diffuse dagli ucraini. 

Referendum per adesione alla Russia

Nell'autoproclamata Repubblica di Lugansk, che assieme insieme alla Repubblica di Donetsk è stata riconosciuta da Mosca come indipendente, si potrebbe tenere un referendum per decidere l'annessione alla Russia. Lo ha dichiaratto Leonid Pasechnik, il leader dell'autoproclamata repubblica nell'est dell'Ucraina, ne danno notizia agenzie stampa russe. Il capo dell'intelligence militare ucraina Kyrylo Budanov, citato dal britannico Guardian, ha ipotizzato: "La Russia sta cercando di dividere l'Ucraina in due per creare una regione controllata da Mosca dopo aver fallito nel prendere il controllo dell'intero Paese". Secondo il capo degli 007 dell'esercito "è un tentativo di creare la Corea del Nord e del Sud in Ucraina".

"Articolo 5 del trattato Nato è sacro". Cosa dice e cosa comporta

Draghi: sentirò Putin, cerco la pace. Kiev: Italia garante

Biden, il nucleare e il Tiger Team: perché il presidente Usa ha cambiato rotta

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?