Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
25 feb 2022

Guerra Ucraina: "Questo blitz sarà la tomba di Putin. Lo aspetta un nuovo Afghanistan"

L’analista americano Luttwak: "Lo zar ha voluto la guerra per coprire i misfatti del suo regime di oligarchi"

25 feb 2022
cesare de carlo
Esteri
epa09784426 Territorial defense fighters receive weapons and ammunition in Kiev, Ukraine, 25 February 2022. Russian troops entered Ukraine on 24 February prompting the country's president to declare martial law and triggering a series of announcements by Western countries to impose severe economic sanctions on Russia.  EPA/MIKHAIL PALINCHAK
Kiev si prepara a resistere
epa09784426 Territorial defense fighters receive weapons and ammunition in Kiev, Ukraine, 25 February 2022. Russian troops entered Ukraine on 24 February prompting the country's president to declare martial law and triggering a series of announcements by Western countries to impose severe economic sanctions on Russia.  EPA/MIKHAIL PALINCHAK
Kiev si prepara a resistere

"L’Ucraina segnerà la fine di Vladimir Putin", mi dice Edward Luttwak, noto politologo americano e per lungo tempo consulente della Casa Bianca e del Pentagono. In che senso? "Nel senso che non ha una exit strategy e non ha forze sufficienti per il controllo dell’intero territorio. Nel breve termine potrà controllare alcune città come Kiev, Odessa, Lviv (Leopoli), o le regioni orientali sino a Zaporoshe". Ucraina: una bimba nata sotto le bombe, i palazzi sventrati. Le testimonianze su Twitter E dopo? "O si ritira e vanifica l’invasione. O dovrà affrontare la resistenza. Imboscate, attacchi di sorpresa, sabotaggi". Dunque, un rischio mal calcolato. "Esattamente". Possibile che Putin non ci abbia pensato? "A mio parere Putin sta cadendo negli stessi errori che Breznev fece dopo avere invaso l’Afghanistan. I mujaheddin dissanguarono i sovietici in dieci anni di guerriglia". Sino a che i sovietici, nel 1989, non si ritirarono... "Proprio così. Quello fu l’inizio della fine dell’Unione Sovietica. Nell’autunno dello stesso anno crollò il muro di Berlino. Due anni dopo toccò alla stessa Unione Sovietica, presidente Michail Gorbaciov". Ma, per ora, Putin sembra avere schiacciato ogni resistenza. "Per ora. Ma, ripeto, non può permettersi una guerra di logoramento, lunga, città per città. Non la reggerebbe economicamente e politicamente". Dunque che cosa accadrà? "Cercherà di mettere un filorusso alla testa del governo ucraino. Ma deve farlo alla svelta. E forse si annetterà le due autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk". La madre di tutte le domande rimane: perché Putin si è mosso? È un paranoico? Un genio del male, secondo una banale retorica? "No". E allora? Voleva scongiurare che anche l’Ucraina, dopo quasi l’intero Est europeo, entrasse nella Nato? "Nemmeno. Putin, come tutti i dittatori, aveva bisogno di una crisi internazionale. Una crisi che coprisse i misfatti della sua ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?