Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
21 mag 2022

Ucraina, i russi avanzano in Donbass. I fronti chiave della guerra

Le truppe di Mosca stanno sfondando a Popasna e tentano di chiudere in una sacca la zona di Sievieronoetsk/Lysichansk. Ma le truppe di Kiev tengono a nord, lungo il fiume Seversky Donets

21 mag 2022
alessandro farruggia
Esteri
featured image
Guerra in Ucraina: l'avanzata russa
featured image
Guerra in Ucraina: l'avanzata russa

Dopo giorni di sostaziale guerra di attrito e di avanzate nell'ordine dei 2-3 chilometri al giorno e solo in alcune limitate zone, dopo aver subito una netta sconfitta nel tentativo di attraversare il fiume Seversky Donets, i russi stanno avendo successo in un punto chiave del fronte del Donbass: la zona di Popasna. Qui complice un cambio di strategia - non più avanzare conquistando villaggio per villaggio ma, sempre battendoli pesantemente con l'artiglieria, aggirandoli con la prima ondata di forze corazzate e avanzando in profondità, lasciando alla seconda ondata il compito di conquistarli - e utilizzando linee di rifornimento più agevoli, basate sulla ferrovia, i russi, che stanno impegnando qui oltre alla fanteria meccavizzata una delle loro migliori forze, i parà delle VDV (Vozdushno-desantnye voyska Rossii) e i mercenari dalla Wagner hanno prima preso l'8 maggio Popasna e stanno avanzando con decisione. Azovstal, la resa degli irriducibili. Così è caduta l'acciaieria Le forze ucraine - la 24 brigata motorizzata e il battaglione Donbass - non riescono a fermare l'offensiva nonostante siano giunti di rinforzo altri 4 battaglioni. Troppo alto e professionale il numero di forze usate dai russi che beneficiano anche di condizioni logistiche favorevoli e tattiche migliori. Charamente per fernare l'avanzata sarà indispensabile spostare nella zona di Popasna una delle due brigate che si trovano a Siversk e una delle due che si trovano a Bakhmut. Da notare che le unità impegnate in questa avanzata sono equipaggiate con un numero significativo di BMTP Terminator-1/2. Si tratta di "veicoli da combattimento di supporto ai carri armati": hanno una piccola torretta con due autocannoni da 30 mm e quattro missili guidati anticarro. I BMTP sono fatti soprattutto per combattere la fanteria proprio quella altamente mobile ma pesantemente armata come quella delle Forze Armate ucraine. L'obiettivo è continuare ad avanzare verso nord ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?