Donald Trump (Ansa)
Donald Trump (Ansa)

Washington, 7 ottobre 2020 - Donald Trump non sarebbe stato sottoposto ogni giorno al tampone sul Coronavirus. A sostenerlo è il New York Times che cita "due persone a conoscenza delle pratiche". Un funzionario dell'amministrazione si limita a replicare che il presidente Usa è stato testato "regolarmente", mentre lo stesso Trump lo scorso luglio aveva detto che si sottoponeva al test ogni due o tre giorni. Al momento non è chiaro a quando risalga l'ultimo test negativo del tycoon. Che ieri, dimesso dall'ospedale militare, si è tolto la mascherina non appena arrivato alla Casa Bianca. "Sto bene", ha detto, spiegando poi che col Covid bisogna convivere "come facciamo con l'influenza" che sarebbe però "più letale" del virus, ha ribadito su Twitter. E il social network Twitter ha censurato il cinguettio come "informazione fuorviante e potenzialmente dannosa".

Covid mondo, in Germania è record di casi. A Bruxelles bar e caffè chiusi per un mese

Nel frattempo, il candidato democratico alle elezioni Usa, Joe Biden, ha affermato che, se risultasse ancora positivo, Trump non dovrebbe partecipare al prossimo dibattito in programma il 15 ottobre a Miami. "Non vedo l'ora di farlo", diceva ieri l'inquilino della Casa Bianca.  Che nelle ultime ore ha anche rivolto un duro attacco all'agenzia del farmaco federale statunitense: le nuove regole "rendono più difficile" un'accelerazione sui vaccini e la loro eventuale approvazione prima delle elezioni, ha twittato il presidente Usa. "Un'altra montatura politica", l'accusa di Trump che pare rientrato a pieno regime in campagna elettorale.

Pence-Harris

image

America incollata nuovamente davanti alla tv per quello che potrebbe essere l'ultimo duello prima del voto, se veramente quelli tra Donald Trump e Joe Biden saltassero a causa del virus. È la notte dei vice. Ma anche dei due potenziali presidenti, perché il 61enne Mike Pence e la 55enne Kamala Harris potrebbero subentrare in qualsiasi momento per motivi di salute a due leader così anziani, prima ancora di giocarsi le loro ambizioni nelle elezioni del 2024.

I due aspiranti vicepresidenti sono risultati entrambi negativi al test per il Covid-19 il in vista del dibattito che si terrà nella serata americana sul palco dell'Università dello Utah, a Salt Lake City. 

Nelle ultime ore è scattato l'allarme dopo che il consigliere di Trump, Stephen Miller, ha rivelato la sua positività al Covid. La moglie di Miller, portavoce di Pence, è volata in Utah col vicepresidente perché già colpita dal Coronavirus nei mesi scorsi. Katie Miller sarebbe risultata negativa ai tamponi effettuati negli ultimi giorni. Pence e la Harris, comunque, saranno separati da una parete in plexiglass. Il vicepresidente ha dovuto cedere alle pressioni, nonostante il suo staff avesse definito "inutile" la misura di sicurezza. 

Coronavirus Usa

Intanto, il bilancio del Covid negli Stati Uniti continua ad aggravarsi. I contagi hanno hanno superato quota 7,5 milioni: lo riporta la Johns Hopkinks University, secondo cui il Paese conta ad oggi 7.500.964 contagi, inclusi 210.886 decessi.