Donald Trump (Lapresse)
Donald Trump (Lapresse)

Washington, 17 settembre 2019  - Donald Trump vuole levare alla California l'autorità per regolare le emissioni della auto. Il presidente continua a smontare le politiche, e l'eredità 'verde' di Barack Obama, e per farlo si appresta colpire lo stato liberale famoso per la sua vocazione ambientalista. Il tutto alla vigilia della conferenza dell'Onu sul clima.

L'agenzia per la protezione dell'ambiente (Epa) è pronta ad annunciare, e lo farà solo quando Trump sarà in California, la revoca dell'autorità del Golden State di fissare le proprie regole sulle emissioni di Co2, che attualmente sono più severe di quelle federali. 

Un colpo che avrà effetto anche su altri 13 Stati che seguono i standard più severi, e che coprono circa un terzo del mercato automobilistico nazionale. La Casa Bianca aveva anticipato un piano più ampio per revocare anche i limiti introdotti a livello federale dall'Amministrazione Obama, prevedendo tra l'altro di sostituire i suoi i 54,5 miglia per gallone entro il 2025 con un tetto più basso, 37 miglia per gallone. 

Ma ritardi e l'opposizione delle principali case automobilistiche ha spinto il tycoon a procedere intanto solo con la revoca alla California dell'esenzione della sua autorità di stabilire i propri standard per le emissioni delle auto. Un'autorità che risale ad una legge del 1970, il Clean Air Act. 

La tempistica. L'amministrazione Trump intende muoversi velocemente per poter difendersi dalla scontata impugnazione da parte della California davanti alla Corte Suprema prima che scada il mandato di Trump.