Il presidente Usa Donald Trump alla convention della NRA (Ansa)
Il presidente Usa Donald Trump alla convention della NRA (Ansa)

Dallas (Texas), 4 maggio 2018 - "Tutti noi vogliamo scuole più sicure. Ma insegnanti perfettamente addestrati dovrebbero portare armi nascoste": è la ricetta del presidente americano Donald Trump per evitare altre stragi di ragazzi e studenti nelle scuole americane. "Se sanno che ci sono armi all'interno, non entreranno", ha detto. Dinanzi a una platea entusiasta, a Dallas, in Texas, con i toni da comizio che tradizionalmente infiammano la sua base elettorale, il presidente americano ha parlato alla convention della NRA, la potente lobby delle armi, per ribadire che, fino a quando sarà presidente, il secondo emendamento della Costituzione americana, che protegge il diritto alle armi, non sarà toccato. "I tuoi diritti nel Secondo Emendamento sono sotto assedio, ma non saranno mai sotto assedio finché io sarò il tuo presidente", ha detto, definendo "patrioti" i membri della NRA.

E ha aggiunto che gli attacchi del 13 novembre 2015 a Parigi avrebbero ridotto il numero di morti se le vittime fossero state armate: "Nessuno ha un'arma a Parigi e tutti ricordiamo le 130 persone (uccise) e l'enorme numero di persone orribilmente, orribilmente ferite: sono stati brutalmente uccisi da un piccolo gruppo di terroristi che avevano armi, che con calma li hanno uccisi uno per uno. Vieni qui, boom, vieni qui, boom, vieni qui", ha detto, facendo con la mano il gesto di un jihadista che sparava alle vittime. "Ma se un impiegato, o solo un cliente avesse avuto un'arma, o se uno di voi tra il pubblico fosse stato lì con una pistola puntata nella direzione opposta, i terroristi sarebbero fuggiti o avrebbero sparato. E sarebbe stata una storia diversa". E ha preso in giro quanti vogliano il divieto delle armi da fuoco, ricordando i recenti attentati, come quello a Toronto, in Canada, provocati dalla folle corsa di camion o un furgoncini lanciati a tutta velocità su ignari passanti. "E allora, vietiamo tutti i camion e i camioncini", ha detto, "forse anche tutto le auto..."

Era la terza volta che Trump parlava di fronte alla potente lobby, che lo ha sempre considerato un alleato, fin dai giorni iniziali della sua campagna elettorale. Trump, che nel suo discorso ha spaziato su vari temi - dalla Corea al Russiagate - ha esortato i membri dell'NRA a votare in massa alle elezioni di midterm ringraziandoli per il sostegno passato. "Siete usciti tutti. Siete usciti tutti e avete votato". L'NRA è sempre stato in effetti un grande sostenitore di Trump: a ottobre del 2106, uno spot pubblicitario televisivo su 20 in Pennsylvania fu sponsorizzato dalla lobby delle armi; uno su nove annunci in North Carolina, e uno ogni otto in Ohio. E Trump vinse in tutti e tre gli Stati.