Donald Trump e Melania atterrano a Londra (Ansa)
Donald Trump e Melania atterrano a Londra (Ansa)

Londra, 3 giugno 2019 - Donald Trump e la first lady Melania sono arrivati in Gran Bretagna per l'attesa visita di Stato di tre giorni. L'Air Force One, che era partito dalla base di Andrews, nel Maryland, è atterrato all'aeroporto di Stansted, alle porte di Londra. La coppia presidenziale si è poi recata a Buckingham Palace per incontrare la regina Elisabetta II. Ad accogliere la coppia presidenziale nel parco sono stati il principe Carlo, erede al trono, e la sua consorte, Camilla, duchessa di Cornovaglia. Sia Melania sia Camilla vestite di bianco con vistosi cappelli. Il presidente Usa, camminando al fianco di Carlo, ha poi raggiunto l'ingresso dove è stato accolto con un sorriso dalla regina Elisabetta vestita di verde acqua.

Trump, giorno due. Il presidente vede la May, ma partono le proteste: vola il presidente-pupazzo

La visita di Trump è osservata al microscopio e così anche la stretta di mano con la regina Elisabetta diventa oggetto di dibattito. In effetti, dalle immagini trasmesse in diretta televisiva, sembra che il presidente americano invece di sfiorare la mano della sovrana, come impone il protocollo, gliela afferri o le si avvicini con un pugno chiuso. Cosa sarà mai successo in quei pochi secondi? Secondo l'esperta di linguaggio del corpo Judi James probabilmente Trump, noto per le sue strette di mano vigorose e prolungate, non sia riuscito a prendere la mano di Elisabetta che invece porge solo i polpastrelli. Inoltre la grandezza delle mani del presidente non ha contribuito a facilitare l'operazione, spiega l'esperta alla Press Association. Da qui l'effetto "pugno chiuso" che più semplicemente è stato un goffo tentativo da parte di Trump di acchiappare la mano, piccola, della regina. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Today marks the start of the #USStateVisit. President Trump and Mrs. Melania Trump were met by The Prince of Wales and The Duchess of Cornwall on the lawn before being welcomed by The Queen on the West Terrace of Buckingham Palace. Upon arrival a Royal Salute was fired by The King’s Troop Royal Horse Artillery from Green Park (41 guns) and at the Tower of London by The Honourable Artillery Company (62 guns). The Guard of Honour, found by Nijmegen Company, Grenadier Guards, gave a Royal Salute before the US National Anthem, The Star-Spangled Banner, was played by the Band of the Regiment. The President @realdonaldtrump accompanied by The Prince of Wales, inspected the Guard of Honour watched by The Queen, the First Lady and The Duchess of Cornwall.

Un post condiviso da The Royal Family (@theroyalfamily) in data:

LA FIRMA SUL REGISTRO DI WESTMINSTER - "Grazie mille, è stato un grande onore. Un luogo speciale". È il messaggio lasciato da Donald Trump sul registro degli ospiti di Westminster Abbey dopo la visita. La Bbc, che pubblica la foto della pagina, sottolinea che il presidente ha scritto "honor" all'americana anziché "honour", all'inglese.

image

ATTACCO A KHAN - L'aereo non era ancora atterrato a Londra quando il tycoon ha attaccato il sindaco di Londra su Twitter. Trump ha definito Sadiq Khan, un "perdente completo" per aver criticato la decisione del Regno Unito di 'srotolare il tappeto rosso' per il capo della Casa Bianca. "Khan, che ha fatto un terribile lavoro come sindaco di Londra, ha fatto commenti 'cattivi' sul presidente degli Stati Uniti", ha aggiunto prima di scendere dall'Air Force One. Secondo Trump farebbe meglio a concentrarsi sulla lotta alla criminalità della capitale britannica. 

Già questa notte Trump aveva lanciato strali verso il sindaco Londra. "Se vorrei incontrare il sindaco di Londra Sadiq Khan? No, non lo apprezzo molto. Penso che sia il gemello di De Blasio (il sindaco di New York, ndr), tranne per il fatto che è più basso".

false

Khan invece aveva paragonato il suo linguaggio a quello di un fascista del XX secolo. E oggi ha replicato così alle nuove accuse: il presidente degli Stati Uniti rappresenta "l'esempio più eclatante" della crescente "minaccia dell'estrema destra" nel mondo. I giudizi espressi da Trump su Twitter sono qualcosa di "molto più grave di insulti infantili non degni del presidente degli Stati Uniti", ha detto il portavoce di Khan. "Sadiq rappresenta i valori progressisti di Londra e del nostro paese", mentre Trump "è l'esempio più eclatante di una crescente minaccia dell'estrema destra in tutto il mondo, che sta mettendo a rischio i valori fondamentali che hanno definito le nostre democrazie liberali per più di 70 anni", ha insistito il portavoce del sindaco di Londra. 

CRITICHE ALLA CNN - Da Londra Trump se la prende a distanza anche con la Cnn. "Appena arrivato nel Regno Unito - twitta ancora il capo della Casa BIanca -. L'unico problema è che la Cnn è la primaria fonte di informazioni dagli Usa disponibile". E prosegue: "Dopo averla guardato per un breve tempo, ho spento. Tutto negativo, e così tante fake news, molto male per gli Usa. I grandi ascolti calano. Perché il loro proprietario, la Att, non fa qualcosa?".