Tommaso Claudi solleva un bimbo in lacrime all'aeroporto di Kabul (Ansa)
Tommaso Claudi solleva un bimbo in lacrime all'aeroporto di Kabul (Ansa)

Kabul, 23 agosto 2021 - E' un console instancabile, Tommaso Claudi: da giorni è impegnato nelle operazioni di evacuazione da Kabul di concittadini e afghani dal Paese tornato in mano ai talebani. In alcune foto diventate virali sui social, lo si vede mentre aiuta un bambino, spaventato dalla ressa e in lacrime, a superare un muro nel perimetro interno dell'aeroporto, dove si accalcano le persone in attesa di un volo per fuggire. 

Claudi e Pontecorvo sull'ultimo volo. L'Italia saluta Kabul

Attiviste di Pangea salvate da 'P' sulla mano

Giubbotto antiproiettile ed elmetto a tracolla, Claudi solleva il bambino dell'apparente età di 6-7 anni, prendendolo dalle braccia di un uomo che glielo porge e sottraendolo così alla calca delle persone in attesa - tra cui donne e bambini - sotto lo sguardo vigile di un soldato. "Grazie Tommaso", scrive in un tweet il segretario generale della Farnesina, Ettore Sequi.
Sono ormai diverse le azioni di coraggio riconosciute a Claudi, che è l'unico diplomatico italiano rimasto nel Paese riconquistato dai talebani.
"E' salito sui container andando ben oltre il suo dovere, buttandosi anima e cuore per individuare nella folla stipata le attiviste di Pangea che dovevano imbarcarsi per l'Italia", racconta Luca Lo Presti, responsabile dell'organizzazione umanitaria milanese. 
E anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ne ha riconosciuto il valore: "Se stiamo riuscendo a portare a casa i nostri connazionali e gli afghani che hanno collaborato col nostro Paese lo dobbiamo anche a persone come Tommaso Claudi. Il suo impegno in una situazione di emergenza, davanti a difficoltà evidenti, è una prova di grande amore per l'Italia". 


Afghanistan, talebani agli Usa: "Se resteranno dopo 31 agosto reagiremo"

Chi è Tommaso Claudi

Il console a Kabul - 31 anni da compiere il 30 agosto - è originario di Camerino, dove la sua famiglia in queste ore ha scelto di proteggerlo col silenzio: "Soprattutto la mamma dopo che gli è stata data questa visibilità, ha paura", spiega un parente stretto del giovane. Ricco il suo curriculum con due lauree, una in Linguistica a Pavia, la seconda in Relazioni Internazionali alla Cattolica di Milano. 
Superate le prove diplomatiche, nel settembre del 2017 Claudi viene nominato Segretario di Legazione in prova alla carriera diplomatica, confermato in ruolo dal 5 giugno 2018. Qualche mese dopo, nel gennaio del 2019, arriva come secondo segretario commerciale a Kabul.