Zurigo, 5 luglio 2020 - Tragedia all’interno del giardino zoologico di Zurigo. Ieri mattina una guardiana è stata aggredita e uccisa da una tigre siberiana. La donna, 55 anni, è stata attaccata intorno alle 13.20 all’interno del recinto delle tigri. La polizia e i soccorritori sono intervenuti rapidamente sul posto, mentre...

Zurigo, 5 luglio 2020 - Tragedia all’interno del giardino zoologico di Zurigo. Ieri mattina una guardiana è stata aggredita e uccisa da una tigre siberiana. La donna, 55 anni, è stata attaccata intorno alle 13.20 all’interno del recinto delle tigri. La polizia e i soccorritori sono intervenuti rapidamente sul posto, mentre il team preposto alle emergenze della struttura è riuscito ad allontanare l’animale dalla 55enne. Nonostante i disperati tentativi di rianimazione, la donna è deceduta sul posto a causa delle gravi ferite riportate. Adesso gli agenti della polizia stanno indagando su quanto accaduto. Non è ancora chiara la dinamica e nemmeno si è capita la ragione per cui la donna si trovasse nella gabbia insieme alla tigre.

Il felino, tra i più pericolosi e aggressivi del mondo, è ancora vivo. Si tratta di una femmina di 5 anni di nome Irina. Lo zoo di Zurigo ospita due tigri di Amur adulte: la femmina, appunto, di cinque anni e un maschio di quattro anni e mezzo, Sayan. Irina è arrivata in Svizzera dalla Danimarca per sostituire un’altra femmina morta in seguito a una lotta con Sayan.

A lanciare l’allarme è stato uno dei visitatori dello zoo che si è trovato ad assistere alla scena e insieme ad altri, tutti sotto choc, hanno ricevuto l’assistenza di uno psicologo. "Si è sempre comportata in modo normale. Da tigre", ha detto il direttore Severin Dressen.

Questo non è il primo attacco riportato nello zoo di Zurigo. Nel dicembre 2019, un coccodrillo filippino ha afferrato il braccio di un guardiano durante un’operazione di pulizia del recinto. L’uomo è rimasto ferito ma è sopravvissuto, il rettile è stato ucciso.