26 apr 2022

Guerra mondiale, lo storico: "Rischio serio, mancano gli antidoti per evitarla"

Giovanni De Luna: speriamo che i mercati fermino le armi. "Ma si è perso lo spirito che diceva 'mai più' conflitti". L'intervista

davide nitrosi
Esteri
epa09909960 Russian President Vladimir Putin meets with Russian Olympic and Paralympic athletes during a state awards ceremony for Russian medal winners of the Beijing 2022 Olympic Winter Games at the Kremlin in Moscow, Russia, 26 April 2022.  EPA/YURI KOCHETKOV
Il presidente russo Vladimir Putin (Ansa)

Professore, oggi si evoca lo spettro della Terza guerra mondiale. Non è la prima volta... "Ma oggi è un pericolo reale, è cambiato tutto, sono venuti a mancare gli antidoti che la impedivano", risponde lo storico Giovanni De Luna. Quali antidoti? "Intanto il bipolarismo Usa-Urss. Le due potenze si scontravano per interposta persona ma l’arsenale atomico era un deterrente che evitava un conflitto ampio". Il bipolarismo non esiste da 30 anni... "Vero, siamo in un sistema multipolare frammentato che in 30 anni non è riuscito a darsi equilibrio. Ora è venuto a mancare un altro antidoto che mi preoccupa di più". Quale? "Il ’Mai più’. Dopo gli orrori del ’900 il mondo aveva giurato ’mai più’ guerre e Shoah. E aveva espropriato gli Stati della loro sovranità. Le Nazioni unite, la Dichiarazione dei diritti dell’uomo del 1948, la Comunità europea..". Tutto questo ha perso forza? "La dimensione sovranazionale, che metteva al riparo dagli egoismi degli Stati, si è affievolita, anche per il sovranismo". Belgorod, un deposito di munizioni in fiamme. Raid ucraino contro l'isola dei Serpenti Igor Volobuev, vicepresidente di Gazprombank fugge e si arruola con le forze ucraine Senza antidoti la Terza guerra mondiale è un rischio? "Non siamo più al riparo dagli egoismi nazionali, la guerra è una componente endemica. Iraq, Libia, Afghanistan, Siria, Israele... Al bipolarismo si è sostituita un’anarchia nel sistema politico internazionale. La Russia è una potenza in declino che cerca spazio, l’America cerca di mantenere una leadership mondiale senza essere in grado di farlo e la Cina è presa da interessi egoistici. Una situazione che non spinge verso la pace". Peggio della crisi dei missili di Cuba nel ’62? "Al tempo si sapeva che Kennedy e Krusciov si sarebbero parlati con la linea rossa. Gli arsenali atomici potevano distruggere la Terra 4 volte, un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?