Terremoto a Osaka (Ansa)
Terremoto a Osaka (Ansa)

Tokyo, 18 giugno 2018 - Il terremoto che ha colpito Osaka questa mattina ha provocato, al momento, tre morti e quasi 200 feriti. I sismologhi hanno rivisto la magnitudo al rialzo a 6.1.

I tre morti confermati, tutti nella provincia di Osaka, nell'ovest del Giappone, sono una bambina di 9 anni deceduta a causa del crollo di un muro in una scuola nella città di Takatsuki, un uomo di 85 anni caduto nella sua casa di Ibaraki e un altro 80enne rimasto sepolto sotto un muro. Il sisma si è verificato alle 07.58 ora locale (00.58 in Italia) e ha avuto il suo ipocentro a 13 chilometri di profondità nella prefettura di Osaka, sull'isola di Honshu nipon, la più grande dell'arcipelago a 500 chilometri a ovest di Tokyo. Non è scattato l'allarme tsunami.

image

Il sisma ha causato la sospensione del servizio di treni, mentre la fornitura di energia elettrica è già ripresa, erano state colpite 170 mila abitazioni. L'aeroporto internazionale di Kansai (Osaka), il più importante del Giappone occidentale, è stato riaperto. Sono stati cancellati 41 voli. Le autorità hanno riferito inoltre che nessuno dei 15 reattori nucleari della regione è stato colpito. Secondo l'Agenzia meteorologica giapponese, è la prima volta che la prefettura di Osaka registra un terremoto di questa intensità dal 1923, ossia da quando vengono registrati i dati. 

Il terremoto odierno segue quello registrato ieri nella prefettura di Gunma, a nord di Tokyo.