Terremoto: un sismografo (Ansa)
Terremoto: un sismografo (Ansa)

Roma, 4 marzo 2021 - Nuova fortissima scossa al largo della Nuova Zelanda, magnitudo 8.1. La protezione civile neozelandese ha lanciato un appello ai residenti di alcune aree costiere di dirigersi verso l'alto, consigliando di trasferirsi immediatamente su un'altura, dopo che un potente terremoto ha colpito la regione delle isole Kermadec, facendo scattare l'allarme tsunami. Si tratta del terzo violento sisma della giornata nell'area.

Un avviso di attenzione per lo tsunami riguarda anche le Hawaii a migliaia di chilometri di distanza. Chi abita nelle zone costiere deve "spostarsi immediatamente verso l'altura più vicina, fuori da tutte le zone di evacuazione tsunami, o il più lontano possibile nell'entroterra. Non restate a casa". Anche Auckland è compresa fra le aree a rischio tsunami. Da sabato è in programma la sfida per l'America's Cup fra i detentori neozelandesi e Luna Rossa. Nella zona costiera è in corso l'evacuazione che, secondo i media locali, si sta svolgendo in modo ordinato.

Secondo lo Tsunami Center degli Stati Uniti, a essere interessati potrebbero essere anche le coste dell'Ecuador, della Colombia, delle Fiji, delle Isole Cook, di Pohnpei, delle Isole Pitcairn, di Wallis e Futuna, delle Isole Samoa, delle Solomon, della Polinesia francese, del Costa Rica, di Vanuatu, del Nicaragua, di Panama, Messico, Antartide, Nauru, Australia, Cile, Perù, Hawaii.