Londra, 3 gennaio 2018 - Soffia il vento di Eleanor su Francia e Gran Bretagna. Così è stata ribattezzata la tempesta che ora, secondo i media britannici, avrebbe raggiunto la potenza di uragano. Le raffiche che spazzano Regno Unito, Irlanda e il Nord della Francia, superano in alcune zone anche i 160 chilometri orari.  E le previsioni meteo non annunciano niente di buono per la giornata di oggi. Eleanor, che arriva dall'Oceano Atlantico, proseguirà la sua corsa verso Nord-Est e rafforzerà i suoi venti con nuovi picchi fino a 200 chilometri all'ora sulla Corsica già da stasera. In Gran Bretagna, dove la situazione dovrebbe migliorare a breve, si fa la conta dei danni: un uomo ferito e 15mila abitazioni al buio. Gravi disagi per chi si sposta con i mezzi tra Inghilterra e Galles, a causa delle strade bloccate e dei ponti chiusi. Voli cancellati negli scali di mezza Europa. A Schiphol ad Amsterdam sono stati cancellati 252 dei 1200 voli programmati per oggi, mentre per gli altri voli si prevedono ritardi fino ad un'ora. Disagi e cancellazioni anche in Svizzera negli scali di Zurigo e Basilea.

Previsioni meteo, tempo pazzo in Italia. Epifania tra maltempo, neve abbondante e oltre 20° al Sud

UNA VITTIMA IN FRANCIA - C'è invece un morto in Francia: si tratta di una donna, colpita da un albero sulle poste da sci di Morillon, nel dipartimento di Alta-Savoia. La protezione ha stilato un bilancio di 15 feriti. Oltre 4mila gli interventi dei vigili del fuoco realizzati fra la notte e la mattinata, più di 220mila le famiglie rimaste senza elettricità.   

ALLERTA IN CORSICA - La tempesta ha toccato stamattina la Bretagna, la Manica e il nord della regione parigina e si dirige a Nord-Est con raffiche di oltre i 120 chilometri orari. Nella regione di Parigi si assiste a un progressivo ritorno alla normalità ma altri 36 dipartimenti francesi restano invece in allerta meteo arancione, con un alto rischio di valanghe previsto per domani sulla regione alpina. Eleanor dovrebbe anzi aumentare la sua intensità con l'arrivo in Corsica entro la serata di oggi: sono attesi venti fino a 200 chilometri all'ora che potrebbero calmarsi solo a notte inoltrata.

CHIUSA LA TOUR EIFFEL - Le raffiche, che a Parigi hanno soffiato fino a 110 chilometri orari, hanno costretto la direzione della Torre Eiffel a chiudere i battenti. All'ultimo piano del momumento la velocità del vento ha toccato quota 150 km/h. "Per ragioni di sicurezza la Torre Eiffel non sarà aperta" mercoledì mattina, ha annunciato la Sete, società che gestisce la famosa attrazione parigina. Transennate per tutta la giornata anche le aree verdi della capitale. In città è crollata l'impalcatura di un palazzo ma senza causare vittime.