Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 mag 2022

Nato, Svezia e Finlandia invieranno le candidature. 'No' dalla Turchia

Ankara: "Abbiamo chiesto l'estradizione di 6 terroristi alla Finlandia e 11 alla Svezia". Biden incontra i leader dei due paesi candidati giovedì alla Casa Bianca

17 mag 2022

Ankara, 17 maggio 2022 - E' duro il no della Turchia all'adesione di Svezia e Finlandia alla Nato: "Sono incubatori di terroristi. Le due delegazioni non devono stancarsi per venire in Turchia a persuaderci". Ankara vuole l'estradizione di membri del movimento separatista curdo Pkk e lo stop all'embargo sull'export di armi in cambio del suo consenso. 

Disastro Putin: la minaccia nucleare spinge Svezia e Finlandia nella Nato. Cosa cambia ora

Oggi il Parlamento finlandese ha approvato a larghissima maggioranza (188 sì contro 8 no) l'adesione alla Nato, mentre il ministro degli Esteri Ann Linde ha firmato la domanda della Svezia. I due paesi presenteranno insieme le loro candidature all'Alleanza Atlantica a Bruxelles domani. Già la richiesta in sé costituisce un momento storico, dato che Stoccolma e Helsinki si sono opposti a lungo all'adesione, ma per ora non sembra garantito che la loro domanda verrà accolta. Per respingerla basta un solo 'no' dei 30 membri della Nato, ed è già arrivato dal presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan (Ansa)
Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan (Ansa)

La Turchia ha posto due condizioni per il suo consenso all'ingresso. In primo luogo, hanno chiesto "l'estradizione di 6 terroristi alla Finlandia e 11 alla Svezia", lo ha riferito il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu. Il ministro si riferisce a membri del partito separatista curdo Pkk, considerato un'organizzazione terroristica non solo dalla Turchia, ma anche dagli Stati Uniti e dall'Ue; anche se si parla della sua rimozione dalla lista da più di un decennio. La Turchia ha definito i due richiedenti "alberghi per terroristi" e ha sottolineato che le delegazioni di Helsinki e Stoccolma "non devono stancarsi per venire in Turchia lunedì a persuaderci". 

Intanto c'è anche un secondo ostacolo: i due paesi scandinavi hanno posto un embargo sull'export di armi alla Turchia ancora nel 2019, durante l'operazione militare turca avvenuta nel nord della Siria per sottrarre l'area oltre confine ai curdi siriani dell'organizzazione Ypg, l'ala siriana del Pkk. "Non diremo 'sì' all'ingresso nella Nato di coloro che impongono sanzioni alla Turchia", ha affermato Erdogan. 

"Sono sicuro che il Consiglio Atlantico supporterà il più possibile" l'adesione di Finlandia e Svezia alla Nato: "So che la Turchia ha avanzato qualche obiezione ma la Nato sarà in grado di superarle". E' quanto ha detto oggi l'Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera, Josep Borrell, al suo arrivo alla riunione dei ministri della Difesa dell'Ue a Bruxelles. 
Il ministro Cavusoglu incontrerà questi giorni a New York il Segretario di Stato americano Anthony Blinken per discutere dell'allargamento, mentre il presidente Joe Biden riceverà la premier svedese Magdalena Andersson e il presidente finlandese Sauli Niinisto alla Casa Bianca il 19 maggio. Nel frattempo domani la premier finlandese Sanna Marin incontrerà Mario Draghi a Palazzo Chigi. 

Johnson: sosterremo Svezia e Finlandia in caso di attacco

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?