Parigi, 13 dicembre 2018 - Il killer di Strasburgo Cherif Chekatt, (VIDEO) è stato ucciso in un blitz delle forze speciali nel quartiere di Neudorf, dove aveva fatto perdere le tracce 48 ore fa dopo l'attentato commesso nel mercato di Natale. L'Isis ha rivendicato l'attacco. Sono ancora ore d'attesa, invece, riguardo alle condizioni - gravissime - del giovane cronista italiano Antonio Megalizzi, ricoverato in coma.

IL BLITZ DELLA POLIZIA - La fuga del terrorista è finita a rue Lazaret, dove i passanti, dietro le transenne, applaudono questa sera - a più riprese e lungamente - i poliziotti impegnati nel blitz decisivo. "Un equipaggio della BST, Brigata specializzata sul terreno, ha avvistato un individuo davanti al numero 74 della rue Lazaret che corrispondeva alla segnalazione. L'hanno fermato, lui si è voltato aprendo il fuoco contro i poliziotti, che hanno risposto, neutralizzandolo": questa la ricostruzione del blitz che ha messo fine alla folle fuga di Cherif Chekatt, 29 anni. Due giorni dopo la strage al mercato di Natale di Strasburgo, come una belva ferita, Chekatt era ancora a Neudorf, il luogo in cui si era fatto accompagnare dal taxi e aveva fatto poi perdere le sue tracce.

Era il "suo" quartiere, la zona che conosceva palmo a palmo, e dove - dicono alcune fonti ai media francesi presenti sul posto - potrebbe aver goduto di appoggi in queste ore. C'è anche l'ipotesi che l'avviso di ricerca di testimoni lanciato ieri dalla polizia abbia portato i suoi frutti 24 ore più tardi: già nel pomeriggio la "pista tedesca" era tramontata e diversi blitz era stati lanciati nella città. Tutto era infatti concentrato da ore su Strasburgo e, in particolare, nella zona di Neudorf, dove probabilmente Chekatt ha cercato di farsi curare la profonda ferita al braccio provocata dai proiettili del fucile d'assalto in dotazione alla polizia che aveva reagito al suo attacco al mercato.

In giornata erano emersi nuovi particolari: il quotidiano Le Parisien, citando una testimonianza del conducente del taxi, aveva riferito che l'attentatore ha detto di aver "ucciso per vendicare i fratelli morti" in Siria. Sempre secondo il giornale, Chekatt ha lasciato libero il tassista solo dopo che questi si è professato "musulmano praticante" e rispettoso della "preghiera". 

NEUDORF_35619146_161026

Sempre sul fronte delle indagini, una quinta persona legata a Cherif Chekatt, è stata fermata, ma non fa parte della sua famiglia. Ieri erano stati fermati padre, madre e due fratelli.

image

Errori e blitz falliti: il flop degli 007 - di Giovanni Serafini

Cherif Chekatt, il killer di Strasburgo ricercato (Ansa)

ISIS RIVENDICA -  "E' un soldato dello Stato islamico" che ha risposto alla richiesta di "colpire obiettivi della coalizione" contro l'Isis, è stata la rivendicazione fatta dall'Amaq con un post su Twitter, l'agenzia di propaganda dell'Isis. 

APPELLO PER IL GIORNALISTA ITALIANO - Nessuna buona notizia, invece, al momento per l'italiano in coma. "Antonio è stazionario in coma farmacologico, ci sono da attendere 48 ore per capire se reagisce, quindi tutto oggi e tutto domani", ha detto Danilo Moresco, il padre di Luana, la fidanzata di Antonio Megalizzi, il giornalista 29enne, gravemente ferito nell'attentato. "Sono appena rientrato a casa - ha spiegato nel primo pomeriggio - sono stato lì in ospedale fino all'una della notte scorsa". E l'uomo lancia un appello: "Stiamo cercando di trovare un luminare, che possa andare a Strasburgo e salvare Antonio. Ce la metterò tutta per mettere insieme il massimo: ci vorrebbe un'équipe di specialisti che possano andarlo a valutare -  ha detto Moresco - Abbiamo bisogno di trovare persone molto qualificate", ha aggiunto precisando che comunque anche i medici dell'ospedale di Strasburgo sono molto "qualificati e disponibili" però è normale noi vogliamo fare il massimo. "E' naturale, sentirò anche la famiglia" per capire che ne pensano, ha concluso.

E subito Marco Cenzato, presidente della Società italiana di neurochirurgia e primario all'ospedale Niguarda di Milano risponde: "Sono pronto, già sabato, a volare a Strasburgo per un consulto con i colleghi francesi per valutare la situazione clinica di Antonio Megalizzi". Il neurochirurgo non nega la delicatezza del quadro clinico del 28enne, e puntualizzando che sicuramente l'operato dei colleghi francesi è di alto livello offre la sua piena disponibilità per "un confronto".

Il padre della fidanzata di Antonio racconta ancora: "Il papà di Antonio è a pezzi, disperato, la mamma ancora di più. Anche la sorella è a pezzi. Con la famiglia di Antonio abbiamo rapporti più che buoni, direi ottimi. Casa nostra è casa loro e viceversa".

Secondo l'europarlamentare leghista Mario Borghezio, Antonio "è in condizioni irreversibili, ricoverato nel reparto chirurgia d'urgenza e inoperabile. Ce l'hanno confermato la mamma e la fidanzata cui abbiamo cercato di portare conforto", ha spiegato.

LEGGERO MIGLIORAMENTO - Nel tardo pomeriggio Moresco s'è mostrato più ottimista: "Le condizioni di Antonio sono stazionarie in linea di massima, anche se sembra ci sia stato un leggerissimo miglioramento. Troppo poco perché possiamo dirci sollevati, ma, insomma, dà speranza anche solo il fatto che non peggiori".

image

CHERIF CHEKATT SCHEDATO COME 'S 11' - Nel 2008 una foto di Osama Bin Laden era stata ritrovata nella cella di Cherif Chekatt,  scrive Bfmtv, precisando che il killer non si era radicalizzato in carcere ma già prima dell'arresto. All'uscita dal carcere nel 2015 è stato schedato con la 'S' che sta per 'sicurezza dello stato', ossia tra gli individui a rischio, con livello 11 (il livello 16 è il più basso, il numero 1 indica massima pericolosità).

Le ricerche riguardano anche il fratello di Chekatt, e si estendono anche lungo l'area di confine tra il Saarland, la Renania Palatinato con la Francia. Il ministero degli Esteri tedesco ha da parte sua chiesto ai viaggiatori "particolare attenzione" nonché di dare "sempre immediatamente seguito alle indicazione delle forze di sicurezza".
In Renania Palatinato le autorità hanno deciso di rafforzare in maniera netta la presenza degli agenti di polizia sui mercatini natalizi. Massima allerta anche a Berlino: "Le nostre forze dell'ordine sono preparati a vari scenari legati ad attentati - ha detto il responsabile per la sicurezza - Quel che è accaduto a Strasburgo dimostra che il pericolo di attacchi terroristi e' ancora molto alto". Anche a Berlino la polizia protegge i mercati natalizi: "Siamo pronti ad affrontare qualsiasi attacco, non solo quelli effettuati con dei camion". Il riferimento è all'attentato del 19 dicembre 2016 al mercatino di Natale del Breitscheidplatz, quando morirono 12 persone e 56 rimasero ferite.

image

IL BILANCIO DELLA STRAGE -  Il ministro francese dell'interno Christophe Castaner ha precisato questa sera il bilancio delle vittime dell'attacco: tre persone sono morte, altre tre sono gravemente ferite, fra la vita e la morte. Tre altri feriti sono stati dimessi dall'ospedale in giornata.

I GILET GIALLI - Nel frattempo il governo francese si appella alla "ragionevolezza" del movimento dei 'gilet gialli' e chiede loro di non manifestare sabato. Allo stato attuale, ha spiegato il portavoce Benjamin Griveaux, il governo non ha deciso di vietare le manifestazioni programmate per sabato ma "sarebbe ragionevole, dopo l'attacco di Strasburgo, non manifestare".
"Ora che la loro rabbia è stata espressa - ha affermato Griveaux su Cnews  - ed è stata ascoltata dal governo, a cui ha risposto, quello che vi stiamo chiedendo, nel senso di responsabilità, è di essere ragionevoli e non andare a protestare".