Polizia brasiliana, foto generica
Polizia brasiliana, foto generica

Rio de Janeiro, 20 maggio 2019 - Strage al bar in Brasile. Undici persone sono state uccise da una gang armata (almeno sette uomini) che ha sparato all'impazzata in un locale di Belem, nel nord del Brasile, per poi fuggire. 

"C'era una festa, molte persone sono riuscite a fuggire", ha detto Ualame Machado, un funzionario del ministero di Pubblica Sicurezza (Segup) dello stato di Para, di cui Belem è la capitale.
"Quasi tutte le vittime sono state colpite alla testa", ha aggiunto Machado. Gli inquirenti  seguono "tutte le piste", compresa quella del traffico di droga. Le vittime sono sei donne, tra cui la proprietaria del bar, e cinque uomini. L'assalto è stato compiuto da sette uomini armati, arrivati con motociclette e tre auto, che poi sono fuggiti. 

ALLARME VIOLENZA - Alla fine di marzo il governo federale aveva inviato le truppe della Guardia nazionale a Belém per 90 giorni, per rafforzare la sicurezza nella città. Il Brasile ha raggiunto il livello record di 64.000 omicidi nel 2017, il 70% dovuti alle armi da fuoco. Gran parte delle violenze in Brasile è legata alle gang.
Lo stato amazzonico del Parà è l'ottavo stato più violento del Brasile, con un tasso del 53,4 omicidi per 100.000 abitanti, al di sopra del tasso nazionale di 30,8, secondo i dati del Forum delle Ong 2017 Pubblica sicurezza, che raccoglie cifre ufficiali.

 Belem, una città di quasi 1,5 milioni di abitanti, è di per sé  il terzo capoluogo più violento, con 67,5 omicidi ogni 100.000 abitanti, dietro solo a Rio Branco (83,7) e Fortaleza (77,3). Gli omicidi sono aumentati negli ultimi anni nelle periferie delle grandi città, insieme con lo sviluppo del traffico di droga e, più recentemente, le milizie para-polizia lotta per il controllo di questi territori. Nel gennaio 2017, 28 persone sono state uccise a Belem nelle 24 ore successive all'assassinio di un poliziotto.