Stefano Brizzi, 50enne pistoiese, condannato all'ergastolo a Londra
Stefano Brizzi, 50enne pistoiese, condannato all'ergastolo a Londra

Londra, 6 febbraio 2017 - Si è suicidato, Stefano Brizzi. Il 50enne di origine italiana, condannato all'ergastolo lo scorso dicembre per aver ucciso un poliziotto e fatto a pezzi il suo corpo, è morto ieri mattina nel carcere di Belmarsh, a sud-est di Londra. A farlo sapere è lo stesso centro di detenzione che non precisa le cause del decesso e annuncia l'apertura di un'inchiesta. A parlare di suicidio era stata in un primo momento l'agenzia Press Association. Dopo è arrivata la conferma di fonti diplomatiche.

In base alla verità emersa dal processo, Brizzi uccise l'agente scozzese Gordon Semple, 59 anni, dopo un incontro gay. Infierì poi sul suo corpo, con atti di cannibalismo

Lui stesso ha ammesso di aver smembrato la salma e tentato di occultarla immergendola nell'acido, proprio come aveva visto fare nella serie tv 'Breaking Bad'. Al processo raccontò anche di essere un satanista drogato e malato di Hiv. Ma ha sempre negato di avere ucciso Semple: "E' morto strangolato per un gioco erotico finito male", era la sua versione.

Brizzi era il più giovane dei tre figli di una famiglia cattolica della provincia di Pistoia. All'età di 15 anni aveva scoperto la sua omosessualità e ai giudici raccontò che questo lo aveva portato ad avvicinarsi al satanismo, ritenendo di essere creatura del diavolo. Si era trasferito in Gran Bretagna nel 2012, dopo aver ricevuto un'offerta come tecnico informatico alla Morgan Stanley. 

L'omicidio risale allo scorso aprile. Ieri il triste epilogo di una vicenda tragica.