Il lato oscuro della Luna, la foto a 360°
Il lato oscuro della Luna, la foto a 360°

Roma, 7 gennaio 2018 - Metti un piede sul lato oscuro della Luna. La prima impronta mai lasciata dall'uomo sull'altra faccia del satellite è storia. Documentata qualche giorno fa dalle foto delle tracce delle ruote del rover Yutu-2, liberato nel cratere Von Kármán, dove la sonda cinese Chang'e-4 si è posata sul suolo lunare lo scorso 3 gennaio. Yutu-2 ha acceso i suoi strumenti e ha iniziato a muoversi e a lavorare. Dalla prima 'passeggiata', è arrivata oggi un'immagine a 360 gradi, storica quanto spettacolare. Un passo nello spazio, non così remoto a livello di distanze, che non era però mai stato compiuto. Un lato nascosto della Luna, quello 'coperto' alla Terra, su cui negli anni sono state espresse le teorie più disparate. E sono stati sollevati diversi interrogativi che a breve, probabilmente, troveranno risposte.

Nella gallery qui sotto le prime foto a 360 gradi

CINESESONDA_36184007_141700

Le immagini sono state diffuse dall'Agenzia spaziale cinese (Cnsa) e inviate a Terra da Chang'e 4 attraverso lo speciale ponte radio ottenuto grazie al satellite cinese Queqiao, in orbita intorno alla Luna. Questo ponte è necessario perché le comunicazioni radio con il lato più lontano della Luna sono molto più difficili, rispetto a quelle con il lato rivolto al nostro pianeta. Intanto Yutu 2, il cui nome significa 'coniglio di Giada' e che in inglese viene chiamato Jade Rabbit 2, si prepara a iniziare a raccogliere dati sull'interno della Luna e ad analizzare campioni di suolo e roccia.

Questo mentre Chang'e 4, che nei giorni scorsi aveva inviato le prime immagini, ha installato tre antenne radio a bassa frequenza. Saranno fondamentali per ascoltare la voce (o le voci) del cosmo, dal momento che sulla Terra segnali di quel tipo non possono essere captati a causa dell'atmosfera. Senza lasciarsi prendere da voli pindarici su altre forme di vita presenti nello spazio, le antenne cercheranno segnali radio provenienti dalla cosiddetta "età buià dell'universo", quando alcune centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang le prime stelle hanno cominciato a diradare la nebbia di idrogeno che pervadeva lo spazio intergalattico. "Chang'e 4 e Yutu-2 sono in condizioni stabili e il lavoro procede come da programma", si legge nell'annuncio  ufficiale della Cnsa. I ricercatori hanno completato le analisi della superficie intorno alla zona di atterraggio, basandosi proprio sulle foto inviate dalla sonda. "Un grande passo per il popolo cinese", commentava il governo di Pechino subito dopo l'allunaggio della sonda. Il mistero del lato oscuro della Luna , un fotogramma alla volta, si sta rivelando al mondo intero. 

image