Silvia Romano (Facebook)
Silvia Romano (Facebook)

Roma, 18 novembre 2019 - Silvia Romano, la cooperante milanese rapita in Kenya il 20 novembre dello scorso anno sarebbe tenuta sotto sequestro in Somalia da un gruppo islamista legato ai jihadisti di Al-Shabaab. È quanto emerge dagli sviluppi dell'indagine della Procura di Roma e dei carabinieri del Ros, coordinati dal pm Sergio Colaiocco. Secondo quanto ricostruito, la ventiquattrenne - portata via da un commando armato da otto uomini con mitragliatori, che fecero irruzione nell'orfanatrofio dove Silvia prestava servizio - è stata poi trasferita in Somalia. Arrivarono intorno alle 20, a bordo di un furgone: lanciarono una bomba a mano, spararono all'impazzata, ferirono alcuni bambini. Poi chiesero della ragazza, volevano solo "la straniera". Questi i racconti dei testimoni. 

Dopo il vertice della scorsa estate e dall'analisi dei documenti messi a disposizione dalle autorità del Kenya è emerso che si troverebbe in un'area del Paese dove gravitano milizie legate al gruppo terroristico di matrice islamica. 

Gli inquirenti stanno valutando l'ipotesi di inviare una rogatoria internazionale alle autorità somale. L'ultima notizia certa sulla vicenda risaliva al 30 settembre 2019, quando una fonte dell'intelligence aveva dichiarato: "Silvia è viva e si sta facendo di tutto per riportarla a casa".

L'appello: "Rivogliamo Silvia, basta con i silenzi" 

IL RAPIMENTO DI SILVIA ROMANO - Il 20 novembre la volontaria italiana è stata sottratta alla sua attività umanitaria a Chakama, un villaggio a 80 chilometri da Malindi in Kenya. "La collaborazione tra autorità keniane e italiane non si è mai fermata un momento", ha sottolineato la viceministra degli Esteri, Emanuela Del Re, durante una sua recente visita in Kenya. Pippo Civati, leader di Possibile, che sin dall'inizio segue questa tragica vicenda, in un tweet scrive: "Credo sia doveroso che a un anno di distanza ci sia una comunicazione ufficiale del nostro esecutivo sulla situazione di Silvia Romano. Troppe le voci ufficiose, troppe le mezze verità, troppi i pettegolezzi".

Nino Sergi, fondatore e presidente emerito di Intersos e Policy Advisor di Link 2007, ha nuovamente fatto sentire la sua voce inviando una seconda lettera aperta al generale Luciano Carta, direttore dell'Aise, i servizi di intelligence esterni. "Dodici mesi sono tanti - scrive Sergi -. A chi attende la sua liberazione sembrano interminabili". Sergi prosegue sottolineando di non "aver nessun titolo per parlare a nome di Silvia, ma quanto le scrivo esprime l'inquietudine e le preoccupazioni di molte persone per la sua liberazione e la sua vita: tante voci che fanno da sottofondo a questa nuova lettera aperta". E il fondatore di Intersos così spiega le "inquietudini e le preoccupazioni": "Non sappiamo se prendere per buone le poche notizie diffuse da agenzie giornalistiche sull'area in cui Silvia potrebbe essere trattenuta. Ad esse comunque ci aggrappiamo. Se l'area fosse confermata, la preoccupazione diventa ancora più grande a causa dell'effettuazione di frequenti raid. Come non sappiamo se vi siano le condizioni per fare molto di piu' di quanto già state facendo; ma ancora una volta le chiediamo di provare a farlo. I tempi lunghi significano anche crescenti rischi: il ricordo di Giovanni Lo Porto rimane ancora molto doloroso".