Parigi, 5 dicembre 2019 - Sciopero generale in Francia. Il Paese è praticamente paralizzato per la protesta contro la riforma delle pensioni sociali, uno dei capisaldi del programma di Emmanuel Macron, che però non sembra intezionato a fare marcia indietro. A Parigi, dove si è svolto il corteo più imponente, sono però arrivati i black bloc. Almeno 500 giovani, vestiti di nero e incappucciati, si sono riuniti a Place de la Republique, dando fuoco a cassonetti, biciclette, un semaforo, materiale da cantiere e anche le telecamere dei giornalisti presenti. Nella capitale è scoppiato il caos con lancio di lacrimogeni e scontri con le forze dell'ordine. Decine i fermi già effettuati mentre continua  a salire la tensione.

Un copione che si è ripetuto in serata a place de la Nation. Lanci di sassi, di petardi e razzi luminosi verso la polizia hanno provocato tafferugli, mentre gli agenti hanno fatto ampio uso di lacrimogeni e granate antiassembramento. 

TUTTO CHIUSO - Fermi tutti i servizi principali per l'intera giornata: dagli aerei ai treni, da autobus e metro alle scuole, fino agli ospedali, aperti solo per le emergenze. Le ferrovie saranno praticamente ferme per tutto il giorno, soltanto il 10% dei treni intercity e ad alta velocità saranno garantiti, secondo l'operatore delle ferrovie nazionali SNCF. Soltanto cinque delle 16 linee della metropolitana di Parigi saranno operative. Il 30% dei voli interni di Air France sarà cancellato e EasyJet ha già annunciato la soppressione di 200 voli. I mezzi pubblici della capitale resteranno fermi fino a lunedì, secondo quanto ha fatto sapere l'Unsa, il primo sindacato della RATP (l'azienda di trasporto pubblico di Parigi). Anche la Tour Eiffel è stata chiusa per mancanza di personale. I presenti non sono "sufficienti per aprire il monumento in condizioni di sicurezza e per un'accoglienza ottimale del pubblico", ha reso noto la società che gestisce il simbolo della città aggiungendo che il piazzale antistante la torre è visitabile gratuitamente.

TUTTI IN PIAZZA - I sindacati parlano di una grande adesione. secondo Cgt (una delle sigle principali, ndr) i manifestanti scesi in piazza oggi sono stati 1 milione e mezzo in tutta la Francia. Il ministero dell'Interno parla invece di 700.000 persone.

LA RISPOSTA DI MACRON - Macron però non sembra intenzionato a fare marcia indietro. "Il Capo dello Stato è calmo e determinato a portare avanti questa riforma, ascoltando e consultandosi", "è attento al rispetto dell'ordine pubblico e agli inconvenienti subiti dai francesi", fa sapere in una nota l'Eliseo. "L'alto commissario Jean-Paul Delevoye concluderà le consultazioni con le parti sociali all'inizio della settimana e presenterà una sintesi delle discussioni, quindi il primo ministro partirà dalla metà della prossima settimana sull'architettura della riforma generale", scrive ancora l'Eliseo che sottolinea come il presidente della Repubblica sia "rispettoso del diritto di sciopero e dei francesi che hanno scelto di esprimere pacificamente la loro opposizione al progetto del governo".