Sabato 20 Luglio 2024

Il dramma dei rinoceronti indiani spazzati via dall’alluvione. Il video del cucciolo salvato dall’acqua

Nel Kaziranga National Park sono annegati più di 130 animali selvatici, alcuni di loro appartengono a specie in via di estinzione. I video

Roma, 8 luglio 2024 – Più di 130 animali selvatici, tra cui sei rari rinoceronti indiani appartenenti a una specie in via d’estinzione, sono morti a causa delle alluvioni all’interno del Kaziranga National Park, parco nazionale indiano di Assam, nel nord-est del Paese. Si tratta del peggiore diluvio che il parco sta affrontano negli ultimi anni. 

La maggior parte degli animali sono morti affogati. Tra loro si contano 117 cervi porcini, due sambar, un macaco e una lontra. Le guardie del parco hanno dichiarato di aver tratto in salvo dalle acque alluvionali 97 esemplari di diverse specie: venticinque di loro stanno ancora ricevendo cure veterinarie, mentre 52 sono stati già rilasciati. 

Il rinoceronte indiano è una specie in via d'estinzione (X)
Il rinoceronte indiano è una specie in via d'estinzione (X)

Il Kaziranga National Park ospita diverse specie in via d’estinzione: tigri, elefanti, bufali d’acqua, delfini di fiume e diverse specie d’uccello. Ma soprattutto è la casa della più ampia popolazione al mondo di rinoceronte indiano (Rhinoceros unicornis), specie che alla fine del secolo scorso si era quasi del tutto estinta. Grazie alla sua presenza, il parco è diventato uno dei siti del patrimonio Unesco

La scorsa settimana, un cucciolo di rinoceronte di 18 mesi è stato salvato al Centro per la riabilitazione e la conservazione della fauna selvatica, dopo essersi rifugiato in una delle case del villaggio vicino al parco. Il primo ministro della regione di Assam, Himanta Biswa Sarma, ha postato sul suo profilo X il video del ritrovamento di un altro cucciolo, che si trovava bloccato nell’acqua e di cui è stato immediatamente disposto il salvataggio. 

Le piogge di quest'anno hanno inondato ampie zone del parco e sommerso migliaia di villaggi. Più di 60 persone sono morte a seguito degli allagamenti e oltre due milioni sono sfollate a causa del diluvio. Si sono anche verificati danni ingenti alle strade e alle altre infrastrutture, oltre alla perdita di raccolti e bestiame.