Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 feb 2022

Il cimelio nazista che imbarazza l’Uruguay

Va all’asta la polena con aquila e svastica della corazzata autoaffondata nel Río de la Plata. C’è un acquirente (che vorrebbe distruggerla)

14 feb 2022
andrea cionci
Esteri
featured image
La polena della Admiral Graf Spee recuperata nel 2006 nel Rio de la Pla
featured image
La polena della Admiral Graf Spee recuperata nel 2006 nel Rio de la Pla

Non temeva le corazzate, perché era più veloce, e non temeva gli incrociatori perché era più potente: questa, in sintesi, l’eccezionalità della “corazzata tascabile” tedesca Admiral Graf Spee, varata nel 1934 dopo essere stata costruita con accorgimenti all’avanguardia per rimanere sotto il tonnellaggio imposto dai trattati di Versailles. Un gioiello di ingegneria navale: “leggera”, veloce, ma affollata di cannoni di grosso calibro (280 e 150 millimetri), persino dotata di radar, un’invenzione che i tedeschi vollero condividere troppo tardi, nel ’42, con l’alleato italiano. Era comandata dal pluridecorato capitano di vascello Hans Langsdorff e aveva il compito di assalire, come una nave corsara, i mercantili alleati. A poppa, la Spee era adornata da una grossa aquila di bronzo, ovviamente poggiata sulla classica ghirlanda con la svastica. Nel febbraio 2006, tale “polena” venne recuperata dal relitto nell’estuario di fronte a Montevideo in Uruguay sia come trofeo, che come testimonianza di un evento storico: la Battaglia di Río de la Plata, il primo scontro fra la Royal Navy e la Kriegsmarine nella Seconda guerra mondiale. La corazzata tedesca era, infatti, salpata il 21 agosto 1939 dal porto di Wilhelmshaven, e, come nave corsara nell’Atlantico depredò e affondò – senza vittime – nove mercantili. Il 13 dicembre venne avvistata da tre incrociatori della Royal Navy, i quali, dopo un breve scontro a fuoco, la costrinsero a rifugiarsi nel porto neutrale di Montevideo il 14 dicembre. Dopo 72 ore, il governo uruguaiano obbligò la Spee a ripartire e il comandante Landgraf decise per l’autoaffondamento la sera del 17 dicembre nell’estuario del Río de la Plata. L’ufficiale si sarebbe suicidato, sparandosi, dopo due giorni in un albergo di Buenos Aires, non prima di essersi avvolto nella bandiera della marina imperiale tedesca. Dopo anni di diatribe legali, in dicembre la Corte d’appello uruguayana ha ordinato che l’aquila ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?