3 mar 2022

Putin e il linguaggio del corpo: "Sarà il diavolo ma non è pazzo"

L'esperto Francesco Di Fant: "Gestualità minimalista. Esprime rabbia, disgusto e una fame insaziabile. I segnali di Lavrov"

viviana ponchia
Esteri
epa09793714 Russian President Vladimir Putin attends a working meeting at the Kremlin in Moscow, Russia, 01 March 2022.  EPA/ALEXEI NIKOLSKY / KREMLIN POOL / SPUTNIK / MANDATORY CREDIT
Il presidente russo Vladimir Putin

Il corpo la racconta sempre giusta. Svela la falsità, riscatta l’inconscio, manifesta le intenzioni. Per entrare nella testa di Vladimir Putin e in quella del suo ministro degli Esteri Sergej Lavrov si può tentare di decifrare il lessico segreto di un indice, di un sopracciglio. Biden, il nucleare e il Tiger Team: ecco perché il presidente Usa ha cambiato rotta Putin sempre più nel mirino. "Rischio golpe dei suoi servizi segreti" Ucraina, fiamme alla centrale nucleare più grande d'Europa. Sì ai corridoi umanitari Francesco Di Fant lo fa di professione. È esperto di linguaggio del corpo e analisi della menzogna, formatore di comunicazione non verbale, autore di un libro, "Come riconoscere uno stronzo al primo sguardo", che mette voglia di partire di lì. I due uomini che stanno mettendo paura al mondo lo sono? "Chi invade un Paese un po’ stronzo deve esserlo per forza, mi lasci sorridere per sdrammatizzare. Anche se c’è da piangere. Nel discorso del 24 febbraio che ha dato inizio all’operazione militare in Ucraina il corpo di Putin non lascia dubbi sui suoi propositi.  È coerente con l’aggressività verbale e conferma le parole chiave del personaggio: potere, decisione, fermezza". A tutti è sembrato soprattutto immobile, raggelante. "Da agente esperto del Kgb sa gestire la gestualità, sempre composta e minimalista. Senza dimenticare che nella cultura russa, dove si sorride poco, minore è l’espressività e maggiore l’autorevolezza. In realtà il suo apparente equilibrio esprime molte cose: rabbia, disgusto, una fame insaziabile. E un disprezzo totale per gli altri che sconfina nella noia, penso allo scherno nei confronti del capo dei servizi segreti". Nel video ha le mani quasi sempre appoggiate sulla scrivania, come i presidenti durante gli auguri di fine anno. "Potrebbe essere un gesto di 'ancoraggio' per tenersi saldo in una situazione di disagio. Nel contesto tutto appare studiato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?