Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
24 mag 2022

"Putin è scampato a un attentato". Da Lenin a Gorbaciov, i golpe falliti

Dopo le notizie sulla malattia, gli 007 ucraini rilanciano: due mesi fa qualcuno ha tentato di uccidere lo zar

24 mag 2022
roberto giardina
Esteri
epa09950760 Russian President Vladimir Putin attends a meeting of the leaders of the Collective Security Treaty Organization (CSTO) member states at the Kremlin in Moscow, Russia, 16 May 2022. Moscow is hosting the CSTO summit, timed to coincide with the 30th anniversary of the signing of the Collective Security Treaty and the 20th anniversary of the creation of the organization, which includes Armenia, Belarus, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Russia and Tajikistan.  EPA/ALEXANDER NEMENOV / POOL
Vladimir Putin (Ansa)
epa09950760 Russian President Vladimir Putin attends a meeting of the leaders of the Collective Security Treaty Organization (CSTO) member states at the Kremlin in Moscow, Russia, 16 May 2022. Moscow is hosting the CSTO summit, timed to coincide with the 30th anniversary of the signing of the Collective Security Treaty and the 20th anniversary of the creation of the organization, which includes Armenia, Belarus, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Russia and Tajikistan.  EPA/ALEXANDER NEMENOV / POOL
Vladimir Putin (Ansa)

Due mesi fa, Putin sarebbe sfuggito a un attentato. Lo rivela Kyrilo Budanov, capo del controspionaggio del ministero della Difesa di Kiev. Vero o falso? Ogni giorno vengono diffuse notizie sul presidente russo: sarebbe gravemente malato, avrebbe un cancro e lo avrebbero operato alcuni giorni fa, non sarebbe più in grado di decidere, paranoico come Hitler, negli ultimi giorni a Berlino. Troppe voci. Lo stesso Budanov non sembra sicuro. La notizia gli è stata riferita da alcuni informatori e mancano conferme. Non potrebbe essere altrimenti, ma non sarebbe inverosimile. Quanto avviene al Cremlino è sempre stato avvolto dal mistero. La Russia sposta i missili Iskander a Brest: tremano Kiev e Leopoli, ma anche la Polonia Mosca chiude a colloquio diretto Putin-Zelensky Guerra in Ucraina: "La pace è lontana. Nulla sarà più come prima" I capi dell’Urss, da Stalin a Gorbaciov, i leader della Rivoluzione d’Ottobre, sono sfuggiti a diversi attentati, alcuni noti e provati. Tutti falliti, ma a volte gli attentati furono messi in scena dai servizi segreti per eliminare gli avversari del regime. Il primo gennaio 1918 un gruppo di terroristi crivellò di colpi l’auto di Lenin. Il leader rimase illeso. Pochi mesi dopo, il 30 agosto, mentre parlava a un’operaia, gli si avvicinò una giovane donna, Fanny Kaplan, 28 anni, che gli sparò tre rivoltellate quasi a bruciapelo, ferendolo al collo e a un braccio. Fanny accusò Lenin di aver tradito la rivoluzione. Venne giustiziata tre giorni dopo. Gli attentati a Stalin furono numerosi, reali o finzioni dei servizi. Alla fine degli Anni Trenta, a Sochi, tentò di ucciderlo un ufficiale disertore, Genrikh Ljushkov. Ma il piano fu rivelato in tempo da un infiltrato nel suo gruppo. Nel 1942, un altro ufficiale dell’Armata rossa, Savelij Dmitriev, sulla Piazza rossa aprì il fuoco sulla limousine di Stalin, ma sull’auto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?