La principessa Amalia (nel riquadro) con le sorelle Ariane (sinistra) e Alexia (destra)
La principessa Amalia (nel riquadro) con le sorelle Ariane (sinistra) e Alexia (destra)

Roma, 15 giugno 2021 - Si diploma a pieni voti, compie 18 anni e dice "no, grazie" a 1,6 milioni di euro l'anno. Un guadagno legittimo, previsto dalla legge olandese, per Amalia principessa d'Orange, figlia maggiore del re dei Paesi Bassi Guglielmo Alessandro ed erede al trono.

La giovane principessa olandese giovedì scorso ha terminato le scuole superiori, superando gli esami di maturità con i massimi voti e, oltre a festeggiare il traguardo raggiunto, ha anche scritto una lettera al primo ministro Mark Rutte in cui dice di "sentirsi a disagio" nell'accettare l'indennità di Stato riconosciuta ai membri della famiglia reale che raggiungono la maggiore età per le proprie spese personali. 

"Il prossimo 7 dicembre 2021 compirò 18 anni - si legge nella lettera scritta a mano da Amalia e diffusa dalla Tv pubblica olandese Nos - e, secondo la legge, riceverò un'indennità. Ma mi sento a disagio finché non farò nulla in cambio per ottenerla, in particolare in questo momento di pandemia in cui tanti altri studenti vivono una situazione molto difficile".

Amalia ha spiegato inoltre che intende prendersi un anno sabbatico prima di iniziare gli studi universitari, un periodo quindi dedicato a se stessa e senza impegni istituzionali per cui non sarebbe giustificato ricevere il compenso pubblico "per il mio ruolo di principessa d'Orange".

La Tv pubblica olandese Nos riferisce che è la prima volta che un membro della famiglia reali rinuncia a richiedere la propria indennità. La scelta di Amalia ha fatto particolamente discutere anche perché si inserisce nella questione dei costi della monarchia olandese che, secondo uno studio del 2012 citato dall'inglese The Guardian, ha superato quella britannica nel primato di essere la più costosa d'Europa.

Il governo olandese lo scorso anno ha previsto un budget per le spese della monarchia nel 2021 di 47,5 milioni di euro, esclusi i costi delle visite di Stato o della manutenzione del palazzo reale: per il re Guglielmo Alessandro è previsto uno stipendio di 998.000 euro l'anno e 5,1 milioni di euro di spese ufficiali. Sua moglie, Maxima, ha ricevuto 1,1 milioni di euro, l'ex regina Beatrice 1,7 milioni di euro mentre ad Amalia, come principessa erede al trono, spetterebbero appunto 1,6 milioni di euro.