Roma, 10 aprile 2021 - Era semplice l'ultimo desiderio del principe Filippo: morire a casa sua, nel suo letto. E al suo fianco, ieri per l'ultimo respiro, non è mancata la sua Lilibet. La regina Elisabetta è stata l'ultima persona a dire addio al duca di Edimburgo al castello di Windsor, dopo che nella notte di giovedì ci sarebbe stato un peggioramento delle condizioni del marito. Quel compagno di vita che lei stessa ha ricordato come 'la sua forza' e la 'roccia' di tutta la famiglia. Le indiscrezione sul volere di Filippo escono dalla stampa britannica: sempre secondo fonti, sarebbe stata proprio Elisabetta a opporsi a un nuovo ricovero perché quelle erano le volontà del principe consorte.

Regno Unito in lutto. "La Corona è ancora il collante del Paese"

Filippo e Lilibet: una storia d'amore lunga più di 70 anni

Nel frattempo si è saputa la data dell'ultimo saluto al "principe d'altri tempi": sarà celebrato sabato 17 aprile al castello di Windsor. Buckingham Palace ha anche confermato la presenza del principe Harry. Il duca di Sussex sta partendo dalla California, ma senza la moglie Meghan Markle, i medici la sconsigliano perchè è in stato di gravidanza avanzata e ha già avuto un aborto spontaneo l'anno scorso.

Inoltre c'era per Harry il problema delle attuali regole britanniche anti Covid. A riguardo Buckingham Palace ha fatto sapere che il principe è si sottoporrà all'arrivo ai protocolli cautelari, cioè sottoponendosi ai test necessari e restando in isolamento per 5 giorni. Per Harry i funerali del nonno potrebbero rappresentare la possibilità di riparare al "profondo danno" causato dall'intervista shock rilasciata con Meghan Markle ad Oprha Winfrey, sostengono gli esperti reali come riporta il Daily Mail. 

Oggi a dare l'estremo saluto al duca di Edimburgo sono state le salve di cannone in tutto il Regno Unito e nei territori d'oltremare, oltre agli omaggi dei britannici davanti a Buckingham Palace

Salve di cannone per il principe Filippo (Ansa)

Leggi anche: Nelle gaffe il cinismo da gentleman. Filippo ha avvicinato la Corona al popolo