Roman Polanski (Epa)
Roman Polanski (Epa)

Parigi, 8 novembre 2019 - Una donna francese, Valentine Monnier, accusa il regista Roman Polanski di averla violentata nel 1975. A raccoglierne la testimonianza e darne eco è il quotidiano Le Parisien. Fotografa, ex modella a New York, una piccola parentesi come attrice: questa è stata la carriera della donna che oggi afferma di essere stata stuprata "con estrema violenza, dopo una discesa in sci, nello chalet di Gstaad, in Svizzera", del noto cineastra. "Mi colpì, mi riempì di botte - ha raccontato - fino a quando non opposi più resistenza, poi mi violentò facendomi subire di tutto. Avevo appena 18 anni". 

Il noto giornale francesce riferisce che Valentine avrebbe trovato la forza di denunciare in seguito all'uscita al cinema del film di Polanski: 'J'accuse'. I presunti fatti, considerando la lunga finestra temporale, risultano prescritti. Il motivo per il quale la Monnier non avrebbe denunciato immediatamente l'accaduto è spiegato ai giornalisti dalla donna; sarebbe subentrato in lei un istitno di autodifesa che l'avrebbe condotta ad un processo di negazione dei fatti. Soltanto successivamente, è subentrata la presa di coscienza. 

I giornalisti di le Parisien hanno contattato l'avvocato del regista, Hervé Témime, che ha reso noto che Roman Polanski contesta fermamente questa accusa.