10 gen 2022

Omicron, vaccino Pfizer pronto a marzo. Ema valuta la pillola

L'Agenzia Ue: risultato nelle prossime settimane

An undated handout photo made available by Pfizer Inc. shows Paxlovid, a Pfizer's coronavirus disease (COVID-19) pill, being manufactured in Freiburg, Germany (issued 15 December 2021). US pharmaceutical company Pfizer Inc. announced on 14 December 2021, final results from an analysis on high-risk patients of its phase 2/3 EPIC-HR study of its novel COVID-19 oral antiviral candidate Paxlovid (nirmatrelvir [PF-07321332] tablets and ritonavir tablets) confirming the drug's efficacy. According to a news release, the pill, which showed close to 90 percent efficacy in preventing hospitalisation or death compared to placebo, is said to retain robust antiviral activity against variants of concern (VoC) as well as other coronaviruses. ANSA/PFIZER INC. HANDOUT -- MANDATORY CREDIT-- HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES
La produzione della pillola Paxlovid di Pfizer

Roma, 10 gennaio 2022 - Covid e ricerca: l’Ema ha iniziato a valutare una domanda di autorizzazione all’immissione in commercio per il medicinale antivirale per via orale orale Paxlovid. La domanda è di Pfizer Europe. Lo rende noto la stessa Agenzia Ue. Il risultato è atteso nelle prossime settimane. APaxlovid è un medicinale antivirale orale che “riduce la capacità di SARS-CoV-2 (il virus che causa Covid-19) di moltiplicarsi nell’organismo”, spiega una nota di Ema.

Covid: i dati dell'Italia del 10 gennaio

La domanda presentata da Pfizer è per il trattamento di Covid-19 da lieve a moderato in pazienti adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni con un peso di almeno 40 kg) ad alto rischio di progressione verso il Covid-19 grave. L’Ema, prosegue la nota, “valuterà i benefici e i rischi di Paxlovid in tempi ridotti e potrebbe emettere un parere entro poche settimane, a seconda se i dati presentati siano sufficientemente solidi o se siano necessarie ulteriori informazioni“. 

Intanto il ceo della Pfizer, Albert Bourla, ha dichiarato che un vaccino per la variante Omicron di Covid sarà pronto a marzo per la commercializzazione e che si è già iniziato a produrre dosi. “Questo vaccino sarà pronto a marzo”, ha detto Bourla a CNBC, aggiungendo che il vaccino prenderà di mira anche le altre varianti che stanno circolando.

Il ceo ha dichiarato che non è ancora chiaro se sia necessario o meno un vaccino contro Omicron o come verrebbe utilizzato, ma Pfizer avrà in disponibilità delle dosi perché ci sono governi che lo vogliono pronto il prima possibile. “La speranza è che otterremo qualcosa che avrà una protezione migliore, in particolare contro le infezioni, perché la protezione contro i ricoveri e la malattia grave è già ragionevole con gli attuali vaccini, fintanto che si fa la terza dose".

Leggi anche: Green pass base e rafforzato: dove serve

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?