15 feb 2022

Peschereccio spagnolo naufragato in Canada. "Si teme una strage"

Media: a bordo c'erano 22 persone, 3 marinai trovati in vita. Sempre al largo di Terranova 110 anni fa il disastro del Titanic

featured image
Il peschereccio spagnolo Villa de Pitanxo (Vessel Finder)

Madrid, 15 febbraio 2022 - Un peschereccio spagnolo è naufragato al largo dell’isola di Terranova, in Canada.

Sono almeno quattro i morti accertati e 17 i dispersi: lo rendono noto le agenzie di stampa Afp, Efe ed Europa Press citando autorità del Paese iberico. "Arrivano cattive notizie dall’altra parte dell’Atlantico, è stato reso noto che ci sono morti e dispersi", ha scritto su Twitter la vicepremier Yolanda Díaz.

I superstiti

Tre persone sono state tratte in salvo vive, ha reso noto il governo spagnolo. La vice-delegata del governo in Galizia, regione d’origine di diversi dei marinai coinvolti nel naufragio, aveva spiegato in precedenza a media iberici che due scialuppe del peschereccio erano state trovate vuote, mentre su una terza c’erano tre sopravvissuti. In mattinata sono rimaste attive ricerche di una quarta scialuppa.

La barca, Villa de Pitanxo, sarebbe affondata per il mare agitato intorno alle sette del mattino. Un elicottero canadese ha raggiunto l’area, che si trova a circa 450 chilometri (280 miglia) dall’isola di Terranova. Nell'equipaggio 12 spagnoli, otto peruviani e due ghanesi.

Le squadre di soccorritori canadesi che stanno cercando i sopravvissuti si sono detti ottimisti nonostante il maltempo abbia ostacolato le operazioni. "Aver trovato tre sopravvissuti a bordo di una scialuppa di salvataggio ci dà la speranza che altri siano riusciti a indossare i i loro giubbotti, salire sulle scialuppe e lasciare la nave prima che affondasse", ha detto all’agenzia France Presse Brian Owens, capo del Joint Rescue Coordination canadese.

I soccorsi

Un peschereccio spagnolo che si trovava non lontano dal luogo del disastro è stato il primo ad arrivare nella zona e ha trovato i tre sopravvissuti e quattro corpi in una delle quattro scialuppe di salvataggio del peschereccio, ha detto la portavoce del centro di soccorso spagnolo. 

Un’ora prima del naufragio, ha spiegato un sottodelegato del governo a Pontevedra, “si è perso il contatto con il localizzatore della nave”.

Le zattere di salvataggio

Tre delle quattro zattere di salvataggio sono state individuate ore dopo, ma due di esse erano “completamente vuote” e la terza trasportava solo tre sopravvissuti. Le autorità canadesi stanno ora cercando la quarta zattera ma, per il momento, non è stata ancora localizzata. “La situazione nelle acque di Terranova era pessima”, ha sottolineato il subdelegato.
I tre membri dell’equipaggio salvati finora sono in ipotermia.  Ai soccorsi partecipano anche diversi pescherecci che stavano pescando nella zona, tra cui uno dal Portogallo e un altro da Marín, il porto di base della Villa de Pitanxo.

Il premier Sanchez

Il premier spagnolo Pedro Sánchez sta seguendo "con inquietudine e preoccupazione" le "operazioni di ricerca" dell’equipaggio del peschereccio spagnolo: è quanto ha reso noto il primo ministro stesso in un tweet. "Il governo è in contatto continuo con i servizi di soccorso", ha aggiunto Sanchez.

Terranova, come il Titanic

Al largo dell'isola di Terranova è avvenuto il naufragio più famoso della storia. Il Titanic, il transatlantico che al varo era stato ribattezzato l'Inaffondabile,  nel suo viaggio inaugurale si inabissò nelle acque gelide dell'Oceano, nella notte tra il 14 e il 15 aprile 1912. Morirono oltre 1.500 persone, se ne salvarono più di 700 grazie alla radio di Guglielmo Marconi.

Approfondisci:

"Non salgo sul Titanic". E Marconi si salvò

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?