Dark web (Istock)
Dark web (Istock)

Berlino, 29 giugno 2020 - Una rete di pedofili mastondotica, con oltre 30mila sospettati. E' un'inchiesta colossale quella in corso in Germania e che potrebbe stanare un numero forse mai visto di criminali. Le indagini sono partite dalla città di Bergisch Gladbach per allargare i loro confini. Gli inquirenti hanno individuato molti di questi soggetti soliti allo scambio di informazioni in diversi forum su Internet. Alcuni si davano addirittura consigli su come rendere accomodanti i bambini. Nelle chat i pedofili, che dopo gli abusi mettono online i video delle loro violenze, si incoraggiano a vicenda. 

Un quadro raccapricciante, tristemente noto come fenomeno, ma probabilmente mai così vasto nelle proporzioni. A rivelare l'esistenza dell'indagine il ministro della giustizia del Land del Nordreno-Vestfalia Peter Bisenbach a Duesseldorf, secondo quanto riportano alcuni media tedeschi fra cui la Dpa. "Vogliamo trascinare gli autori e i sostenitori degli abusi sui minori fuori dall'anonimato di Internet", ha detto il ministro. "Non avevo mai sospettato neppure lontanamente questa dimensione del fenomeno degli abusi in rete - ha aggiunto -. Dobbiamo ammettere che questi crimini sono molto più diffusi di quanto immaginassimo".. 

Da quanto si è scoperto si tratta di una rete criminale internazionale che ha il suo epicentro nelle regioni di lingua tedesca. Fino ad ora, sono stati identificati 72 sospettati. Le indagini erano iniziate lo scorso ottobre con un arresto a Bergisch Gladbach e a maggio era stato arrestato un soldato di 27 anni.