4 mag 2022

Kirill, il patriarca miliardario tra orologi di lusso e chalet in montagna

L'Europa ha pronte sanzioni anche per il capo della Chiesa ortodossa che difende la "guerra giusta" di Putin. Ecco come si è arricchito

alessandro farruggia
Esteri
(FILES) In this file photo taken on January 6, 2022, Russian Patriarch Kirill celebrates a Christmas service at the Christ the Savior cathedral in Moscow. - The European Commission has proposed sanctioning the head of the Russian Orthodox Church, Patriarch Kirill, in the latest wave of economic measures against Russia that also includes a phased-in oil import ban, according to a document seen by AFP on May4, 2022. (Photo by Kirill KUDRYAVTSEV / AFP)
Il patriarca russo Kirill (Ansa)

La campana suona per il patriarca di Mosca, Kirill. L’Ue lo sanzionerà come Putin e i suoi oligarchi. Rischia il blocco dei beni mobili e degli immobili all’estero. Conti, case, barche. E di vedersi vietato l’ingresso in Ue. "Il patriarca Kirill – recita il testo del sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia – è responsabile del sostegno o dell’attuazione di azioni o politiche che minano o minacciano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina, nonché la stabilità e la sicurezza in Ucraina". "Il patriarca viene da una famiglia perseguitata durante il comunismo e non teme la sanzioni Ue", la risposta del patriarcato, che lo fa passare da vittima. Assalto all'acciaieria Azovstal, raid russi su Kiev e altre città Vladimir Mikhailovich Gundiaiev, 75 anni, dal 27 gennaio 2009 primate della Chiesa ortodossa di Mosca con il nome di Kirill, è certamente un uomo pio, ricco, potente. Totalmente schierato con il regime autocratico di Putin, la cui leadership definì "un miracolo di Dio", e al cui servizio ha messo l’altare della sua chiesa, anche a prescindere da verità, pietà e giustizia. E non a caso. Entrambi sono nativi di Leningrado-San Pietroburgo, ma soprattutto vengono tutti e due ricondotti direttamente o indirettamente alla grande e oscura famiglia del Kgb: lo zar ufficialmente, Kirill ufficiosamente. Come già il suo predecessore patriarca Aleksi II (nome in codice Drozdov, agente dal 1958), e il suo protettore il metropolita di Lenigrado Nikodim (nome in codice Svyatoslav) Kirill – come indicano documenti dell’archivio Mitrokhin e altri visti da diversi ricercatori – sarebbe stato arruolato dal Kgb nel febbraio 1972 quando aveva appena 25 anni e gli sarebbe stato dato il nome in codice di Mikhailov (probabilmente dal suo patronimico Mikhailovich, figlio di Mikhail). I documenti usciti vanno dal 1972 alla fine degli anni ’80. Kirill avrebbe servito il primo direttorato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?